Mozzarelle blu, Coldiretti si mobilita: urgente l'approvazione della legge sull'etichettatura

12/01/2012 di Redazione
Mozzarelle blu, Coldiretti si mobilita: urgente l'approvazione della legge sull'etichettatura

Si è svolto all'inizio della settimana l'incontro tra il direttore di Coldiretti Frosinone Paolo De Cesare, il direttore di Coldiretti Lazio Aldo Mattia ed il questore Giuseppe De Matteis, così come richiesto dall'organizzazione agricola successivamente alla vicenda delle mozzarelle blu comparse nel capoluogo ciociaro.

Scopo dell'incontro era quello di fare chiarezza sull'accaduto e di conoscere il nome della ditta responsabile di questo ennesimo caso di sofisticazione alimentare. In attesa delle analisi, il questore di Frosinone non ha ritenuto opportuno rendere nota la marca delle mozzarelle che sono state sequestrate subito dopo la doppia segnalazione da parte dei consumatori. Il questore ciociaro ha dichiarato che appena le analisi confermassero la presenza di elementi nocivi per la salute umana, renderà nota l'azienda produttrice attivando l'azione penale di responsabilità.

Coldiretti, intanto, si è attivata, tramite la propria sede nazionale, per chiedere novità direttamente al Ministero della Sanità mediante il quale far emergere le responsabilità di questa vicenda che pone di nuovo in primo piano il provvedimento della provenienza del latte lavorato completando l'iter sull'etichettatura. "Da quanto sappiamo, hanno dichiarato Mattia e De Cesare, il Ministero si è attivato subito dopo le segnalazioni della settimana scorsa e sta seguendo l'evoluzione della vicenda. Pertanto ci sembra doveroso richiedere informazioni e se possibile una riunione che faccia emergere le responsabilità. Per quanto ci riguarda, hanno concluso i dirigenti della Coldiretti, intendiamo far mantenere alto il livello di attenzione e ribadire con forza l'urgenza dell'approvazione della legge sull'etichettatura con la quale scongiurare le immissioni sul mercato di prodotti realizzati con latte straniero e venduti come prodotti nella nostra regione a tutela di tutti i consumatori e di quanti lavorano nel rispetto delle norme salvaguardando la sicurezza alimentare e la provenienza del latte. Invitiamo, infine, i consumatori a prediligere i prodotti del territorio, possibilmente scegliendo la modalità della vendita diretta da parte delle imprese agricole, a garanzia della qualità, del gusto e anche del risparmio".