Il Piano rifiuti rischia di cancellare Villa Adriana dall’Unesco

23/02/2012 di Redazione
Il Piano rifiuti rischia di cancellare Villa Adriana dall’Unesco

 Urbano Barberini, coordinatore del Comitato salviamo Villa Adriana, denuncia "L'Unesco potrebbe toglierea Villa Adrianail sigillo di patrimonio dell'umanità. Il caso è stato messo all'ordine del giorno e sarà discusso alla prossima riunione che si svolgerà a giugno a San Pietroburgo". L'allarme è lanciato a seguito della decisione di implementare una discarica a Corcolle, Villa Adriana. Infatti, il piano rifiuti rischierebbe di cancellare dai siti dell'Unesco, Villa Adriana e distruggere una delle zone paesaggistiche e archeologiche più importanti del mondo. Così Barberini lancia un appello alla Polverini e Alemanno affinchè ""affinché chiedano al prefetto Pecoraro di fare un passo indietro sulla sua decisione, e non assumersi la responsabilità della distruzione di un sito patrimonio dell'umanità. Sarebbe un atto irreparabile. E' assurdo farsi sfuggire siti che sono assurti a patrimonio dell'umanità -conclude- volano per l'economia, per il turismo, 'pozzi petroliferi' da sfruttare e non sommergere da rifiuti". Ed anche il vicesindaco di Riano, Arcuri, ha invitato il ministro per i Beni e le attività culturali Lorenzo Ornaghi "a intervenire alla conferenza 'L'Elefante di piano dell'Olmo. Il mondo perduto di Riano', circa l'importanza ai fini scientifici, naturalistici e culturali del territorio di Riano, che si svolgerà martedì, alle 15, presso la Sala consiliare del Comune. Parteciperannola professoressa Donatella Magri, del dipartimento di Biologia ambientale dell'università La Sapienza di Roma, ela professoressa Maria RitaPalombo, del dipartimento di Scienze della terra, dell'università La Sapienza di Roma. L'appuntamento - prosegue il vicesindaco nella lettera - offrirà l'occasione per fare il punto della situazione sullo stato degli studi, che purtroppo sono fermi a causa dei tagli inflitti in questi anni al settore della ricerca e della cultura, e illustrerà nel dettaglio le potenzialità scientifiche e naturalistiche del territorio che, se adeguatamente ottimizzate e valorizzate, potrebbero produrre effetti notevoli sullo sviluppo culturale ed economico di Riano, dei paesi limitrofi e di tutta Roma Nord".