Mediterraneo: riprendono gli sbarchi, continuano le morti in mare

22/03/2012 di Redazione
Mediterraneo: riprendono gli sbarchi, continuano le morti in mare

Durante lo scorso fine settimana sono state tre le barche cariche di profughi ad arrivare in Sicilia. Una arrivata direttamente a Lampedusa, a bordo 54 passeggeri. La seconda, con a bordo 74 naufraghi, soccorsa da un motopesca francese. La terza soccorsa dalla Guardia Costiera italiana che ha trovato a bordo 60 naufraghi e il corpo di 5 persone morte di stenti durantela traversata. Siallunga la lista delle vittime sui confini dell'Europa. "Fortress Europe" ricorda che dal 1998 almeno 18.244 persone hanno perso la vita nel viaggio della speranza, delle quali 2352 solo durante il 2011. Le vittime documentate da Fortress Europe nel Canale di Sicilia dal 1996 ad oggi sono almeno 6.226. I dati si basano sulle notizie documentate dalla stampa internazionale. Nei primi nove mesi del 2011 gli arrivi registrati sono stati oltre 50.000, arrivati dalla Libia e  dalla Tunisia. Gli sbarchi erano cessati dal settembre del 2011. La rotta tunisina è cessata con i rimpatri in massa dai cie galleggianti di Palermo dopo la rivolta di Lampedusa di settembre. La rotta libica, invece, ha cessato di essere battuta da metà agosto, dopo la liberazione di Tripoli e di Zuwarah.

Ma Fortress Europe, chiede "E adesso, con il ritorno del bel tempo, cosa c'è da aspettarsi?"

Attualmente ad imbarcarsi per Lampedusa sono soprattutto i somali, abbandonano un paese devastato da vent'anni di guerra civile con una situazione precipitata ancora di più durante gli ultimi tempi. Per molti di loro l'obiettivo è attraversare il Mediterraneo e continuare il loro viaggio verso L'Europa.