No agli inceneritori, si a rifiuti zero

22/03/2012 di Redazione
No agli inceneritori, si a rifiuti zero

Cresce la mobilitazione a Roma. Dalle ore 15.00 del 20 marzo Paolo Simonini, del Coordinamento "Rifiuti Zero" ha iniziato lo sciopero della fame. "Resterò qui fino a giovedì, quando il ministro Corrado Clini incontrerà il presidente della Regione Lazio, il sindaco diRoma e ilpresidente della Provincia di Roma per fare il punto sulla situazione rifiuti". E continua, "Noi ci opponiamo alla decisione di creare una discarica definitiva a Pizzo del Prete, tra un castello medioevale e una necropoli etrusca. Ma più in generale siamo contrari anche alle altre discariche provvisorie ipotizzate a Corcolle e Riano. Bisogna andare verso una prospettiva rifiuti zero, non moltiplicare impianti ad alto impatto ambientale".

I comitati anti-discarica di Riano, Corcolle e Fiumicino si danno appuntamento e danno appuntamento a tutta la cittadinanza per giovedi 22 marzo alle ore15.00 inconcomitanza dell'incontro tra il ministro Clini, il sindaco Alemanno,la governatrice Polverini, il presidente della Provincia Zingaretti e il prefetto Pecoraro, all'esterno del Ministero per l'Ambiente, per continuare a dire no alla scelta dei siti per il post-Malagrotta.

Inoltre è prevista per venerdi 23 marzo alle ore 11.00 presso la sede di FOCUS-Casa dei Diritti Sociali, in via dei Mille, 36, la conferenza stampa del comitato "Diamocidafare per Roma verso rifiuti zero" all'interno della quale verrà illustrata la  delibera di iniziativa popolare per Roma verso rifiuti zero".