Ocse: quanto lavorano i Pesi membri

01/03/2012 di Redazione
Ocse: quanto lavorano i Pesi membri

Uno studio dell'OCSE (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) sulle ore di impiego dei lavoratori dei suoi paesi membri ha dato risultati che smentiscono alcuni luoghi comuni: i lavoratori greci lavorerebbero il 40% di più di quelli tedeschi. La ricerca, infatti, basandosi sui dati del2010, hasottolineato che, dei 34 paesi che fanno parte dell'OCSE, chi lavora di più sarebbero i sudcoreani, con 2.193 ore di lavoro all'anno, cui seguirebbero i cileni con 2.068 ore e, al terzo posto, i greci che con le loro 2.017 ore di impiego annuale sarebbero in vetta alla classifica europea per ore di lavoro pro capite. Al contrario, la Germania risulterebbe tra i paesi europei che richiedono meno sforzi ai suoi cittadini piazzandosi al penultimo posto della classifica per ore lavorate: un lavoratore tedesco, infatti, in media lavorerebbe 1.408 ore all'anno, "superato" solo dai lavoratori olandesi con 1.337 ore. Nella classifica dei lavoratori più assidui, dietro la Grecia ci sono Ungheria, in forte crisi economica ma al secondo posto per ore lavorate, Polonia, Estonia, Turchia, Repubblica Ceca e poi, al settimo posto, l'Italia, con 1.778 ore di lavoro annuali pro capite. Tali dati vanno però letti alla luce di un ulteriore calcolo effettuato dall'OCSE che ha rapportato il numero di ore di lavoro pro capite al Prodotto Interno Lordo di ogni nazione, per ottenere il grado di produttività delle ore lavorate. Il cambiamento a questo punto risulta evidente: in testa alla classifica europea spunta il Lussemburgo insieme alla Norvegia, seguiti da Irlanda, Belgio, Olanda, Francia e Germania, che risulta settima. La Grecia invece si trova nelle ultime posizioni per quanto riguarda la produttività delle ore lavorative. Ma nel 2010 hanno fatto peggio di lei Slovacchia, Portogallo, all'epoca già in crisi, Repubblica Ceca, Estonia, Turchia, Ungheria e Polonia. Secondo il calcolo delle ore lavorate rispetto al PIL, anche l'Italia sarebbe nelle ultime posizioni in Europa, divisa dalla Grecia solo da Slovenia e l'Islanda. Nonostante questo il nostro paese rimane in linea con la media dei paesi OCSE.