Post Malagrotta, decisione rinviata al 22 marzo

15/03/2012 di Redazione
Post Malagrotta, decisione rinviata al 22 marzo

Dopo il vertice tra il ministro dell'ambiente Clini, il prefetto Pecoraro, Zingaretti, Polverini e Alemanno, la decisione sul post Malagrotta è rimandata al prossimo 22 marzo. Intanto dopo l'incontro, è stato lo stesso ministro Clini a mettere in discussione la possibilità di realizzare le discariche a Quadro Alto (Riano) e Corcolle, vicino a Villa Adriana. E rispunta il nome dell'invaso di Monti dell'Ortaccio a Valle Galeria e, ancora una volta, il nome di Cerroni è in pole position. E' lui, infatti, il proprietario del terreno dove dovrebbe sorgere la discarica che sostituirà quella di Malagrotta, ormai satura. Ricordiamo come in difesa di Corcolle e Villa Adriana era sceso anche il ministro dei beni culturali e delle attività culturali Lorenzo Ornaghi: "Tenendo conto di tutte le complessita' della vicenda, il ministero da subito ha tenuto sotto controllo la vicenda e, secondo le mie indicazioni, ha esercitato i suoi poteri senza alimentare polemiche inutili, attivando sovrintendenze e direzione regionale. Riuscire davvero a difendere Villa Adriana e' motivo di felicita' per tutto il ministero, oltre che di soddisfazione per tutti i cittadini che hanno a cuore la questione".

Ma non tardano ad arrivare critiche anche sulla scelta di Monti dell'ortaccio a Valle Galeria. Infatti, la zona sarebbe già stata depennata perché troppo vicina a Malagrotta "e perché uno studio Ispra ha evidenziato un inquinamento delle falde", afferma Massimo Piras del coordinamento Zero Waste Lazio.Indagini invece già iniziate a Riano: alcuni comitati cittadini si sono nuovamente rivolti alla Procura contestando il fatto che, come testimoniato dagli stessi gestori delle cave, nessun sopralluogo sarebbe avvenuto nel periodo oggetto della relazione tecnica redatta su incarico del prefetto, ovvero tra il 6 ed il 20 ottobre scorsi. Quindi il comitato dichiara che probabilmente la bandierina su Quadro Alto sarebbe stata messa «al buio».

Intanto il 31 marzo Zero Waste Lazio e "gli amici" campani" manifesteranno davanti alla Prefettura,  titolo dell'iniziativa "Roma e Napoli verso rifiuti zero".