Municipio XI al via la sperimentazione del Car Pooling

19/04/2012 di Redazione
Municipio XI al via la sperimentazione del Car Pooling

In tempi di crisi e di caro benzina si fa strada anche a Roma la pratica del car pooling, la  condivisione di un'auto privata con colleghi o persone che fanno lo stesso tragitto quotidiano. Già diffusa in maniera informale, questa buona abitudine è diventata il fulcro di un progetto dell'associazione Think Pink Factory, che vede il patrocinio del Municipio XI, il sostegno della Provincia e l'adesione dell'Università di Roma Tre, che ha già iniziato una simile sperimentazione. L'Iniziativa, denominata "Car Pooling e vai!", è pensata per ridurre il numero di auto circolanti, favorendo la condivisione delle auto private, per gli spostamenti in città. Il cuore del progetto è un sito internet, www.carpoolingevai.it, in cui gli utenti interessati, una volta iscritti gratuitamente, potranno inserire il proprio percorso e scoprire se esiste qualcun altro con il quale condividere orari e tragitti, nonché, naturalmente, il costo del carburante. "Il progetto prevede tre fasi - spiega Maria Laura Fumo consigliere dell'associazione - ed è basato sulla formazione, la partecipazione e la socialità. Ci sarà un portale con l'accesso gratuito e partirà una campagna di informazione per aziende e anche cittadini che siano interessati a muoversi con l'auto in comune: inoltre verranno fatti dei corsi di formazione per i mobility manager (si svolgeranno nello spazio della Provincia "Porta futuro" a Testaccio, per minimo trenta persone): il primo parte il 9 maggio". "Il Car Pooling è uno strumento creativo innovativo e necessario - fa notare Andrea Catarci, presidente del Municipio XI - Una città come Roma deve scegliere in via strategica di promuovere progetti finalizzati a ridurre il traffico ed a facilitare gli spostamenti urbani". Apprezzamenti arrivano anche dalla Provincia, nella persona di Gianluca Peciola, vice Presidente della Commissione Provinciale all'Ambiente "Occorre un progetto di mobilità alternativa ed ecologicamente sostenibile per l'area metropolitana di Roma; una città congestionata dal traffico privato e aggredita da una crisi economica senza precedenti. Il Car Pooling, il potenziamento della mobilità pubblica e la cosiddetta "cura del ferro", sono prospettive su cui il governo della città e della provincia devono investire con maggiore coraggio" conclude il consigliere provinciale di Sinistra Ecologia e Libertà. Il successo dell'iniziativa dipenderà anche dalla riuscita della "fase pilota", che si realizzerà fino a luglio all'interno del territorio municipale, grazie alla collaborazioni di associazioni e realtà come l'Università di Roma Tre, ma anche Radio Lifegate. "In una città vasta come Roma, dove manca la cultura della condivisione - ha detto Francesca Cencetti, presidente dell'associazione Think Green factory - lavorare all'interno di comunità ben delineate potrebbe essere la metodologia efficiente per il successo". Se il servizio dovesse entrare a regime, i vantaggi sono innegabili: risparmio sulle spese di viaggio, minor usura del mezzo, meno stress nella ricerca del parcheggio e soprattutto rispetto dell'ambiente. C'è chi aggiunge anche il lato ludico: fare nuove amicizie.