Rifiuti: ora il braccio di ferro su Corcolle. Il 19 manifestazioni dei comitati popolari

17/05/2012 di Redazione
Rifiuti: ora il braccio di ferro su Corcolle. Il 19 manifestazioni dei comitati popolari

Continua il braccio di ferro per il post Malagrotta. Il sindaco Gianni Alemanno ha detto «no» alla realizzazione di una discarica a Corcolle. Della stessa idea i ministri dell'Ambiente, Corrado Clini, e dei Beni culturali, Lorenzo Ornaghi, oltre che dal presidente della Provincia di Roma, NicolaZingaretti. Invece per Giuseppe Pecoraro, commissario di governo, l'unico modo per gestire l'emergenza è la discarica a Corcolle. La pensa così anche Renata Polverini, presidente della Regione Lazio. Rimane alto il rischio di pesantissime sanzioni dall'Ue se nel Lazio si dovesse continuare a gettare immondizia non trattata in discarica, come si è fatto dal2003 aMalagrotta violando una direttiva europea recepita dall'Italia.Per  poter realizzare la nuova discarica (tra bando di gara per il progetto definitivo, valutazione di impatto ambientale da parte della Regione e realizzazione del sito) servono minimo 6-7 mesi e a questi si aggiungono poi i lavori ela viabilità. Questovuole dire essere già fuori tempo massimo. A Malagrotta, infatti, secondo alcune ottimistiche previsioni, ci sarebbero spazi residui fino a ottobre-novembre per ammassare le quattro mila tonnellate al giorno di rifiuti. Per qualche mese quindi i rifiuti potrebbero finire bruciati nei termovalorizzatori del nord Italia oppure all'estero. In questo caso, però, i costi dell'operazione si impennerebbero, con inevitabile ricaduta sulla tariffa comunale (la Ta.Ri.). Anche la road map sulla differenziata la dice lunga: il ministro Clini nel «Patto per Roma» vorrebbe fissare l'obiettivo del 65% entro il 2014. Il Campidoglio, invece, ha chiesto a Clini di definire prospettive meno ambiziose. "Ma a Salerno in un anno si è arrivati da 7 al 50% di differenziata", fanno notare dal ministero dell'Ambiente. Intanto sabato 19 maggio alle ore 19.00 si terrà davantia Villa Adrianauna manifestazione di solidarietà contro la discarica nelle vicinanze di uno dei siti storici più importanti del mondo. I comitati organizzatori hanno chiesto di partecipare all'evento e soprattutto di portare un cuore. Un cuore di stoffa o di carta con un pensiero per Villa Adriana e per dire NO alla discarica, a far battere i nostri cuori davanti a una delle meraviglie del mondo. Parteciperanno Franca Valeri, Carlo Ripa di Meana, Sabina Guzzanti, Urbano Barberini, i Sindaci, e tanti altri, l' amore per Villa Adriana portando un cuore. La musica farà da sottofondo ai pensieri che gli attori leggeranno e infine, grazie all'iniziativa La notte dei musei, entrata gratuita nella villa.