Davide e Golia, tutte le fionde di Claudio Tosi

28/06/2012 di Redazione
Davide e Golia, tutte le fionde di Claudio Tosi

Si è concluso a metà mattinata con l'assoluzione con formula piena il processo per direttissima a Claudio Tosi. Claudio era stato arrestato ieri all'Auditorium Antonianum, dopo essere stato fermato già il giorno precedente.
Claudio da più di un anno è uno dei portavoce dell Social Pride e insieme a tutte le strutture che lo compongono cerca una via d'uscita al pesante arretramento delle politiche sociali a Roma e in Italia. Impresa evidentemente non facile. Nel frattempo, pensando di far conoscere la voce di chi non era stato invitato alla festa di Alemanno, aveva in mano e in borsa copie di un dossier sulle politiche del Campidoglio che  dimostra la pesantezza dei tagli realizzati ed attesi. Questo disturbo alla festa di Alemanno non era tollerabile, evidentemente. La presentazione del quoziente famiglia aveva già interdetto l'area intorno all'Antonianum  impermeabilizzata da un eccessivo schieramento di forze dell'ordine. E così il fermo prima e l'arresto poi con l'accusa, ripresa dai giornali, di essere in possesso di una fionda. Claudio ha ricevuto una bella dimostrazione di affetto e solidarietà.
Questo percorso può crescere e di molto, proprio riappropriandosi di tutte le fionde di creatività, di cultura e di democrazia costruite in questi anni da Claudio e da tutti noi. Gli attivisti, i volontari e gli operatori dei diritti fondamentali hanno infatti realizzato buone pratiche con molte "fionde": quella dei laboratori di serigrafia, quelladell'educazione attiva,  quella pacifista e non violenta, quella di lingue e culture del mondo, quella dei laboratori interculturali, quella del servizio civile, quella del social pride, quella di rifiuti zero.