Prati: guarda come dondolano i palazzi

12/07/2012 di Redazione
Prati: guarda come dondolano i palazzi

Rione Prati, in un insediamento di palazzine anni Quaranta disposte a "ferro di cavallo" tra via Faà di Bruno (civici 28 e 30), via Cattolica 6, e piazza Strozzi 35 è successo qualcosa. Cosa? Scavano un parcheggio interrato in un cortile. Ma la voragine di 4000 metri cubi, profonda venti metri su un'area di400 metriquadri, fa ondeggiare tre palazzi di dieci piani. E il quartiere, abitato da mezzo migliaio di persone in 120 appartamenti, insorge. Della vicenda attualmente se ne sta occupando la magistratura civile che ha disposto una consulenza e ha ordinato la sospensione dei lavori. Ma per il comitato di inquilini "Difesa del quartiere della Vittoria" sembra una lotta contro un muro di gomma. "Quando chiamiamo i vigili per i sopralluoghi, dichiara il presidente della protesta, Elio Desideri, vengono, guardano i permessi che sono stati regolarmente rilasciati dal municipio XVII. E se ne vanno. Come se nulla fosse". Come se quei palazzi non si fossero mai mossi, dopo lo sprofondamento delle 4 paratie delle pareti perimetrali a venti metri sottoterra. "E invece quei condomini si sono inclinati, eccome, conferma l'ingegnere Stefano Lodato, strutturista, arruolato dai condomini inferociti, lo spostamento è stato di67 millimetrida ottobre2011 aoggi. In più, s'è verificata una rotazione concordante e congruente con i cedimenti dei palazzi verso l'area del cantiere". A monitorare le oscillazioni dei condomini èla società SagCim, la stessa che misura i "cedimenti" secolari del Palazzaccio, del Pantheon. La situazione strutturale di quei tre palazzi è critica fin dalla loro nascita, epoca fascista. Infatti, subito dopo l'inizio della Seconda Guerra Mussolini aveva approvato una legge che prevedeva l'utilizzo minimo indispensabile di ferro per le strutture in cemento armato delle abitazioni civili. L'approvvigionamento del metallo, in quegli anni, era destinato all'industria bellica. Il complesso abitativo necessità di grandi attenzioni vista la struttura molto debole. E come se non bastasse c'è una falda acquifera a soli tre metri e mezzo di profondità