Discarica: “Valle Galeria si rifiuta”

30/08/2012 di Redazione
Discarica: “Valle Galeria si rifiuta”

Sottile avrebbe deciso, la discarica provvisoria di Roma a Monti dell'Ortaccio. La firma del Patto per Roma, avvenuta il 7 agosto scorso tra il ministero per l'Ambiente, il commissario delegato per il superamento dell'emergenza ambientale,la Regione Lazio, la Provincia di Roma e Roma Capitale, all'interno del quale sono contenute le linee guida da seguire per evitare l'emergenza rifiuti, non ha portato elementi innovativi ignorando un altro sistema di raccolta e smaltimento dei rifiuti.
"Questa era la decisione più idonea, visti i tempi" spiega Sottile. "La scelta diabolica sarebbe stata quella di non scegliere, con i rischio di portare Roma con i rifiuti per strada". Cerroni, proprietario del terreno in questione e, ricordiamo, anche di Malagrotta. "Monti dell'Ortaccio è pronta all'uso, ma non è solo questa condizione ad aver determinato la mia scelta, prosegue Sottile, il sito è vicino agli impianti di trattamento, al suo interno verrà versato solo rifiuto trattato, ma cosa più importante, è una discarica provvisoria, in attesa di quella definitiva".
Intanto i cittadini sul piede di guerra, "Valle Galeria si rifiuta", e sull'Aurelia presidi e blocchi.
I comitati contro la discarica a Monti Dell'Ortaccio hanno creato un presidio permanente a Massimina, in via Ildebrando della Giovanna (angolo via Aurelia km13), "Il presidio è aperto a tutti ed è totalmente apartitico" si legge in una nota del  comitato Presidio Permanente contro la discarica di Monti dell'Ortaccio. Il presidio "si pone come obiettivi l'esclusione del territorio della Valle Galeria per la localizzazione di nuove discariche, la chiusura del gassificatore, la chiusura dell'inceneritore di rifiuti ospedalieri, la chiusura della discarica di Malagrotta, la bonifica ambientale di tutto il territorio e l'immediato avvio di un ciclo di gestione dei rifiuti basato sulla Strategia rifiuti zero. Per questo motivo i cittadini riuniti in presidio chiedono all'Assemblea capitolina di Roma Capitale che venga immediatamente messa in votazione ed approvata la delibera comunale di iniziativa popolare rifiuti zero presentata a giugno 2012 dalla campagna "Diamoci da fare". La prima mobilitazione indetta dal presidio sarà una fiaccolata il 4 settembre 2012. Appuntamento alle 20 al piazzale della chiesa di Ponte Galeria, Largo Domus de Maria 7 - 00148 Roma (Ponte Galeria). Valle Galeria si rifiuta"