Emergenza Nord Africa: dignità e certezze per i profughi e i territori coinvolti

25/10/2012 di Redazione
Emergenza Nord Africa: dignità e certezze per i profughi e i territori coinvolti

Mobilitazione per le oltre 20.000 persone accolte nella gestione Emergenza Nord Africa. Mancano meno di tre mesi alla conclusione della cosiddetta Emergenza Nord Africa, la cui gestione è stata affidata alla Protezione Civile, e non si sa ancora quale sarà la sorte delle oltre 20 mila persone giunte in Italia dalla Libia nel 2011, tra cui molti rifugiati in fuga da guerre e persecuzioni. Preoccupa la mancanza di un provvedimento che consenta alle molte migliaia di persone presenti di ottenere un titolo di soggiorno di lungo periodo, senza il quale è impossibile avviare qualsiasi progetto di inserimento sociale.
Pertanto, si chiede con forza e urgenza al Governo:
-          una decisione immediata con un provvedimento chiaro che consenta il rilascio di un permesso di soggiorno umanitario in favore di tutti i profughi giunti dalla Libia.
-          Una soluzione dignitosa e efficace per l'inclusione sociale dei profughi coinvolti nei progetti d'accoglienza, con la predisposizione di risorse adeguate, che consenta di realizzare il processo di integrazione di queste persone con precisi percorsi di uscita dai centri emergenziali con una chiara previsione di misure di sostegno.
-          Un coinvolgimento reale delle organizzazioni di tutela e dei territori coinvolti nell'accoglienza per la definizione delle soluzioni concrete.
-          Una verifica puntuale della qualità dei servizi erogati sul territorio nell'ambito dei progetti d'accoglienza per evitare sprechi, chiudendo al più presto quelle esperienze inadeguate di ospitalità e valorizzando le esperienze di qualità, con l'obiettivo di riportare quest'ultime al più presto all'interno della rete SPRAR.
In mancanza di soluzioni concrete e rispettose della dignità delle persone e dei territori coinvolti riteniamo che il rischio di innescare tensioni sociali e di provocare ulteriore disagio sia altissima. Senza soluzioni realistiche e dignitose si rischia di sprecare ancora per molto tempo ingenti risorse pubbliche alimentando peraltro razzismo e conflitti.
Per questo saremo a Roma il 30/ ottobre insieme ai profughi per chiedere una soluzione urgente e dignitosa.
I promotori: ARCI, ASGI, Centro Astalli, Senza Confine. CIR, CGIL, UIL, SEI UGL, Focus-Casa dei Diritti Sociali,