Emersione: i dati al 2 ottobre

04/10/2012 di Redazione
Emersione: i dati al 2 ottobre

Sono del 2 ottobre gli ultimi dati diffusi dal Viminale sulle domande di emersione: sono oltre 44 mila unità e, come confermato dal Ministro Cancellieri, la stragrande maggioranza, 39.727, sono relative a lavoratori occupati nell'assistenza a persone o collaboratori famigliari. Tra le province, guida la classifica delle richieste di regolarizzazione Milano, con 7218 domande totali, di cui 5959 tra i collaboratori domestici. Seguono Roma e Napoli, rispettivamente con 5302e 5621 moduli spediti. Tra i non capoluoghi regionali, abbiamo Brescia con 2072 moduli inviati e Bergamo con 1477. Da Firenze, invece, le domande di emersione dal lavoro nero sono solo 860 e da Prato 289. Anche le domande inoltrate dalle regioni del sud sono esigue, le richieste di regolarizzazione per lavoratori stranieri in nero superano a fatica le1323 aSalerno, con Caserta ferma a 915. Fanalini di coda delle province italiane, per numero di adesioni alla sanatoria 2012, sono i territori di Enna, 7 domande e Isernia ferma a 7. Per quanto riguarda le nazionalità, forte predominanza di migranti provenienti dal Bangladesh, per i quali sono state inoltrate 6533 richieste di emersione. Seguono i lavoratori arrivati in Italia dal Marocco (6407 domande) e India (5831). Invece per la Cina 3934 domande, e per l'Ucraina 4036. Seguono Pakistan, Senegal, Tunisia, fino alle 9 domande inoltrate per regolarizzare sette lavoratori in nero provenienti dagli Stati Uniti d'America. Fino a oggi, il picco delle domande lo si è registrato il giorno dell'apertura della sanatoria, quando si sono sfiorate le 6mila richieste in 24 ore. Da lì, il flusso è rimasto costante nei giorni feriali, con circa 3mila domande al giorno, e più moderato nel weekend, con meno di 2mila moduli inviati.