Troppi consultori a rischio chiusura. A Roma è ormai emergenza

18/10/2012 di Redazione
Troppi consultori a rischio chiusura. A Roma è ormai emergenza

Sempre più precaria la situazione dei consultori italiani, nonostante la loro importanza nella promozione della salute della donna, ribadita nell'ultimo rapporto sull'andamento delle interruzioni volontarie di gravidanza del Ministro della salute Balduzzi. Non usa mezzi termini Giuseppina Adorno, presidente della Consulta di Roma: "Continuano a determinarsi situazioni a rischio-chiusura per molti consultori e, considerando che già negli ultimi anni il loro numero e quello degli operatori si è sensibilmente ridotto, la situazione è davvero molto grave per la salute della donna e della coppia". Una vera e propria situazione d'emergenza soprattutto per Roma, dove troppe strutture sono state accorpate ad altre o addirittura chiuse. Nella capitale, riferisce ancora Adorno, "sulla carta ci sono 50 consultori, ma di questi un paio hanno già chiuso e molti altri rischiano di chiudere sia per la carenza di personale, causata dal blocco del turn-over, sia per politiche sanitarie non attente. Sembra quasi che l'obiettivo delle Asl sia quello di farne sopravvivere uno ogni distretto, e questo è un progetto sciagurato per la salute delle donne".