"Gli immigrati abbandonano l'Italia colpita dalla recessione"

10/01/2013 di Redazione
"Gli immigrati abbandonano l'Italia colpita dalla recessione"

Il 7 gennaio il Financial Times intitolava un suo articolo con "Gli immigrati abbandonano l'Italia colpita dalla recessione". Il giornale fa riferimento ai tanti cinesi che stanno lasciando Roma alla ricerca di "pascoli più verdi" come il Canada ola stessa Cina in pieno sviluppo economico. "Molti, molti cinesi stanno tornando a casa - ha raccontato al Ft Sonia Fen, proprietaria di un ristorante, in Italia da 21 anni - non c'è lavoro. È una situazione terribile". "Sentiranno la nostra mancanza solo una volta che ce ne saremo andati", aggiunge Fen. Ma non solo i cinesi, infatti racconta Romanus Nwaereka,  sindacalista  nigeriano attivo a Roma, che una delle cause dell'esodo è sicuramente la crisi ma aggiunge che anche il "radicato razzismo" della società italiana spinge tanti a preferire altre mete. "Gli attacchi di matrice razzista sono in aumento - ha detto al Ft - la comunità nera è quella che ne risente di più. È un cancro nel sangue degli italiani. Mi dispiace dirlo". Gli studiosi italiani interpellati dal quotidiano britannico hanno evidenziatoil bisognodi migranti di un Paese che deve tornare a crescere e che sta invecchiando: "Le economie non crescono senza un aumento della popolazione, soprattutto di quella in età lavorativa", ha sottolineato Antonio Golini, docente della Luiss