Secondo uno studio inglese il fast food fa venire l’asma

17/01/2013 di Redazione
Secondo uno studio inglese il fast food fa venire l’asma

L'assunzione di cibo spazzatura può costituire una minaccia per la salute, favorendo la comparsa di asma e allergie. Lo rivela un'indagine coordinata da ricercatori del Regno Unito, secondo la quale i giovani, in particolare, rischiano di avere l'asma (40%) se mangiano hamburger per più di tre volte a settimana mentre i bambini tra i 6 e i 7 corrono un rischio del 27%. C'è anche la possibilità della comparsa di eczema e rinite. Il team ha raccolto ricercatori della Nuova Zelanda, Spagna, Australia, Germania e Regno Unito per lo studio che ha coinvolto 319 mila ragazzi tra i 13 e i 14 anni di età provenienti da 51 paesi e 181 mila tra i 6 e i 7 da 31 paesi. I genitori dei bambini hanno accettato di inviare le risposte ai questionari sulle loro abitudini alimentari per dodici mesi. Lo studio ritiene plausibile un legame tra fast food, asma e allergie. "Lo studio non ha fatto distinzione tra i tipi di fast food, perché il questionario chiedeva semplicemente di indicare negli ultimi dodici mesi quante volte in media il bambino mangia o beve: carne, pesce, frutta, verdura, legumi, cereali, riso, burro, margarina, noci, patate, latte, uova, fast food, hamburger. Così, abbiamo analizzato ognuna delle categorie". La ricerca conferma però che mangiare la frutta costituisce un rimedio naturale per contrastare i danni alla salute. "Frutta e verdura fresca hanno un effetto benefico sull'asma, le vitamine e gli antiossidanti aiutano a combattere i sintomi. Si consiglia alle persone che ne soffrono di mangiare cinque porzioni di frutta e verdura al giorno e pesce più di due volte a settimana".