La Blue card e gli altri casi particolari di ingresso al di fuori delle quote o con quote specifiche

07/02/2013 di Redazione
 La Blue card e gli altri casi particolari di ingresso al di fuori delle quote o con quote specifiche

Nell'ambito delle norme del testo unico sull'immigrazione (D.lgs. n. 286/98) dedicate all'ingresso ed al soggiorno degli stranieri per motivi di lavoro, l'art. 27  e seguenti prevedono una serie di categorie di lavoratori per i quali il nulla osta al lavoro non è necessario oppure, quando è richiesto, viene comunque rilasciato al di fuori delle quote periodicamente stabilite con il decreto flussi. Si tratta dei così detti "ingressi al di fuori delle quote", ovvero ingressi per motivi di lavoro possibili nel corso di tutto l'anno e per i quali non esiste alcun tetto numerico  (ad eccezione degli ingressi per tirocini formativi, per sport professionale e dilettantistico e per volontariato)  ed è, di regola, prevista una procedura semplificata per il rilascio del nullaosta al lavoro. In alcuni casi poi (dirigenti in distacco,  professori universitari,  lavoratori specializzati distaccati in Italia, lavoratori marittimi, tirocinanti e giornalisti) il nullaosta al lavoro viene del tutto superato e la procedura prevede direttamente, o previa comunicazione allo Sportello Unico,  la richiesta del visto di ingresso alle rappresentanze diplomatiche o consolari italiane all'estero. Nel dettaglio le categorie di lavoratori che possono ricorrere a tale canale di ingresso agevolato, sono le seguenti: Lavoratori altamente qualificati - Carta blu Ue (art. 27 quater)
Dirigenti o personale altamente specializzato distaccato in Italia (art. 27, lett. A);
Professori universitari destinati a svolgere in Italia un incarico accademico (art. 27, lett. C)
Traduttori ed interpreti (art. 27, lett. D)
Collaboratori familiari in casi specifici (art. 27, lett. E)
Tirocinanti e lavoratori distaccati per addestramento professionale (art. 27, lett. F)
Lavoratori specializzati distaccati in Italia (art. 27, lett. G)
Lavoratori marittimi (art. 27, lett. H)
Lavoratori trasferiti nell'ambito di un contratto di appalto (art. 27, lett. I)
Lavoratori occupati presso circhi o spettacoli viaggianti all'estero; personale artistico e tecnico per spettacoli lirici, teatrali, concertistici o di balletto; ballerini, artisti e musicisti da impiegare presso locali di intrattenimento o presso enti teatrali o cinematografici o imprese radiofoniche o televisive, nell'ambito di manifestazioni culturali o folcloristiche (art. 27, lett. L-M-N-O)
Lavoratori sportivi professionisti (art. 27, lett. P)
Giornalisti (art. 27, lett. Q)
Lavoratori stranieri che, secondo le norme di accordi internazionali in vigore per l'Italia, devono svolgere in Italia attività di ricerca o un lavoro occasionale nell'ambito di programmi di scambi di giovani o di mobilità di giovani oppure collocati "alla pari" (art. 27, lett. R)
Infermieri professionali (art. 27, lett. R-bis)
Volontari internazionali (art. 27 bis)Ricercatori (art. 27 ter)
Docenti di scuole e università straniere operanti in Italia (l. n. 103/2002)