Villa Bonelli: la scuola ancora chiusa

11/04/2013 di Redazione
Villa Bonelli: la scuola ancora chiusa

A Villa Bonelli la scuola elementare Sciascia è chiusa da settembre per il cedimento di un pilastro, e da allora i 600 alunni sono stati divisi in sette scuole diverse, mettendo a dura prova le famiglie costrette a veri e propri tour de force per accompagnare e riprendere i piccoli. Dopo sette mesi i genitori hanno deciso di manifestare di fronte alla scuola e poi in Campidoglio: chiedono tempi certi per la riapertura dell'istituto, temono che nonostante un investimento di 1,26 milioni di euro fatto dal Comune per i restauri non si riesca a riaprire la scuola in tempo per il prossimo anno scolastico. I genitori della Sciascia lamentano che «la pratica del restauro da circa un mese è ferma negli uffici comunali, dopo aver ottenuto il riconoscimento della somma urgenza da parte della Commissione Lavori Pubblici del Comune di Roma, la delibera dei lavori di risanamento da parte del Consiglio del XV Municipio e dopo il relativo invio al Comune per l'approvazione da parte dell'Assemblea Capitolina». «Tutto questo - concludono - mette a serio rischio la possibilità che i lavori vengano completati in tempo utile per consentire l'apertura della scuola entro l'inizio del prossimo anno scolastico». Dopo aver raccolto settemila firme, i genitori hanno deciso di consegnare la petizione popolare al sindaco. «I nostri bambini sono dislocati presso sette scuole diverse subendo innumerevoli disagi che si ripercuotono sia sulla loro vita che su quella delle famiglie. I piccoli rischiano di perdere, in una fase cruciale per la loro formazione, un punto di riferimento importante rappresentato dalla scuola (per loro una seconda casa) e dai loro insegnanti».