Anche Torpignattara ha la sua Piccola Orchestra

23/05/2013 di Redazione
Anche Torpignattara ha la sua Piccola Orchestra

Debutta in questi giorni la Piccola Orchestra di Torpignattara, composta da 15 ragazzi provenienti da 10 paesi differenti, di seconda generazione e italiani. Un'operazione ideata e diretta da Domenico Coduto, esperto di progettazione in ambito musicale e culturale che in collaborazione con l'Assessorato alla Cultura dell'ex VI Municipio (oggi V) e con il contributo della Fondazione Nando Peretti ha seguito una precisa ambizione, a tratti visionaria nel senso migliore del termine. "L'idea della Piccola Orchestra, dice Coduto, mi è venuta in mente semplicemente osservando la realtà: abito tra il Pigneto e Tor Pignattara, espressioni di Roma in continuo cambiamento e di cui troppo spesso si parla in forma negativa. Per me è invece palese la ricchezza derivante dalla contaminazione, così ho immaginato di creare uno spazio nel quale ragazzi italiani e immigrati di seconda generazione s'incontrassero per fare musica". La ricerca dei musicisti in erba è avvenuta attraverso internet e il passaparola tra singoli ed associazioni così come accaduto undici anni fa per l'orchestra dell'Esquilino. "L'obiettivo della Piccola Orchestra non è prettamente musicale, precisa Pecorelli, ma didattico e sociale: la nostra idea è quella di una condivisione musicale tra persone già tutte italiane per nascita senza aspettare la legge, far capire loro attraverso la musica l'importanza dello stare assieme e di intraprendere un impegno comune. Mentre si lavora già alla prossima edizione dei laboratori, la Piccola Orchestra di Tor Pignattara inciderà il suo primo disco, che vedrà la collaborazione del rapper italo egiziano Amir Issaa. I ragazzi coinvolti nel progetto hanno avuto la possibilità di partecipare agli incontri settimanali concepiti in forma di laboratorio di composizione e improvvisazione, portando all'interno dell'orchestra le proprie esperienze e il proprio patrimonio sonoro.