Istat, gli italiani più favorevoli allo scambio interculturale

30/05/2013 di Redazione
Istat, gli italiani più favorevoli allo scambio interculturale

Finalmente un dato positivo. Secondo il sondaggio realizzato per il Rapporto Annuale 2013 dell'Istat, un'amplissima maggioranza degli intervistati ritiene che ogni persona debba avere il diritto di vivere serenamente nel paese che ha scelto, e crede nel valore dello scambio multiculturale. Non è d'accordo però il 20%, che invece esprime posizioni di forte chiusura nei confronti degli immigrati. Una percentuale del 21,7% ha poi un'opinione negativa sull'aumento di matrimoni tra persone non aventi la stessa cultura e la stessa provenienza. Su questo punto, inoltre, metà della popolazione decide di non prendere posizione. Analizzando bene i dati, si scopre che i giovani sono molto più aperti al cambiamento rispetto agli anziani, spaventati dall'arrivo degli immigrati e dalle unioni miste. Inoltre, i più contrari all'integrazione risultano quelli che hanno un basso titolo di studio e che abitano nelle zone del nord-est e del Mezzogiorno. Nonostante la crisi economica, sia tra gli italiani che tra gli immigrati non si registrano però particolari lamentele sulla qualità della vita nel nostro paese. Molti infine si dicono contenti del supporto degli immigrati, perché svolgono quelle mansioni che gli italiani non vogliono fare, mandando avanti l'economia nostrana.