Dalla Regione arrivano le nuove “pagelle” per i direttori di Asl e ospedali

13/06/2013 di Redazione
Dalla Regione arrivano le nuove “pagelle” per i direttori di Asl e ospedali

Un nuovo regolamento varato dalla Regione misurerà, accanto agli indicatori contabili, la qualità delle cure di Asl e ospedali, e a questa pagella sarà legata anche la valutazione dei direttori di tali strutture. I criteri, con tanto di "indicatori di esito", sono stati riscritti dagli uffici del governatore-commissario alla Sanità regionale, Nicola Zingaretti. "L'introduzione degli indicatori di esito è una novità assoluta per il Servizio sanitario regionale", spiega Zingaretti, "una rivoluzione, perché segna un cambio radicale di rotta per orientare la Sanità regionale verso la salute dei cittadini senza abbandonare la linea del rigore sui conti e della lotta agli sprechi". L'azione dei manager dovrà dunque valutarsi sulla base di cinque "misuratori" della qualità delle cure prestate ai cittadini: 1) Le fratture di femore vanno operate entro 48 ore ("finora", spiega il comunicato della Regione, "nel Lazio meno di un terzo degli anziani va sotto i ferri rispettando questa soglia temporale di sicurezza"); 2) La durata della degenza per i pazienti operati in laparoscopia alla colecisti dovrà essere ridotta a tre giorni; 3) Per gli infarti acuti dovranno essere assicurati trattamenti immediati di rivascolarizzazione ("la disostruzione delle coronarie entro 30 minuti dall'arrivo in ospedale salva la vita"); 4) I direttori sono chiamati a ridurre drasticamente il numero dei ricoveri per i malati di bronchite cronica e 5) quello dei tagli cesarei (oggi nel Lazio la probabilità di subire un cesareo varia dal 18 al 70 per cento a parità delle condizioni di rischio). Sono obiettivi di efficacia terapeutica, appropriatezza e tempestività che il management di Asl e ospedali dovrà raggiungere, pena la revoca dell'incarico. In altre parole, sulla "pagella" dei direttori, accanto agli obiettivi di correttezza gestionale, tensione al risparmio, trasparenza e applicazione delle direttive regionali (tra le quali è richiamato il blocco di assunzioni e promozioni), compariranno gli indicatori di esito. E per superare l'esame, i manager dovranno aver centrato almeno sette obiettivi su dieci. Solo una sufficienza larga in pagella, almeno un 7, assicurerà la conferma del mandato e darà diritto a un "premio di produttività pari al 7 per cento della remunerazione".