Gran Bretagna, cauzione per chi viene dall’ex Commonwealth

26/06/2013 di Redazione
Gran Bretagna, cauzione per chi viene dall’ex Commonwealth

Chi dal Pakistan, India, Bangladesh, Nigeria o Ghana decida di trasferirsi in Gran Bretagna dovrà avere da parte un bel gruzzoletto. Infatti, i cittadini maggiorenni dovranno depositare 3mila sterline per avere un visto per turismo della durata di sei mesi. Il governo conservatore inglese ha deciso di far partire questo piano restrittivo, soprattutto per le persone provenienti da Paesi ad alto rischio di immigrazione illegale. Se i migranti non torneranno a casa alla scadenza del loro visto, oltre ad essere passibili di un'espulsione, come già succede adesso, perderanno anche i soldi depositati. Tra l'altro sembra che il governo voglia allargare questo sistema a tutti i Paesi, esclusi quelli Ue. La tassa di ingresso sarebbe in questo modo una vera e propria penalizzazione per chi da Paesi poveri si reca in UK. Il piano è stato anticipato dal quotidiano The Sunday Times e voluto dalla Ministra dell'Interno Theresa May che ha fatto riferimento al sistema dell'Australia. "Questo è il prossimo passo per rendere più selettivo il nostro sistema dell'immigrazione, facendo scendere l'immigrazione netta da centinaia di migliaia a decine di migliaia , ma continueremo da dare il benvenuto agli immigrati migliori e più brillanti" ha detto May. "Nel lungo periodo, siamo interessati a un sistema di cauzioni che farà da deterrente per gli overstayes e coprirà i costi de uno straniero ha utilizzato i nostri servizi pubblici".