Viterbo ricorda jean-Paul Sartre

26/06/2013 di Redazione
Viterbo ricorda jean-Paul Sartre

Si e' svolto venerdì 21 giugno a Viterbo presso il "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" un incontro di commemorazione di Jean-Paul Sartre, nato il 21 giugno 1905.Nel corso dell'incontro sono state lette e commentate varie pagine dall'opera drammaturgica, saggistica e narrativa dell'autore, che nel Novecento fu il simbolo stesso dell'intellettuale impegnato. Il responsabile della struttura nonviolenta viterbese dopo aver rievocato l'importanza dell'opera di Sartre nella propria personale formazione, ha ricostruito l'itinerario filosofico e politico del filosofo francese, rivendicando non solo alla sua opera ma anche alla sua azione - al di la' di limiti ed errori - un valore che non si estingue.Al termine dell'incontro i partecipanti hanno espresso:
- unanime adesione all'iniziativa per la cessazione immediata della illegale ed insensata partecipazione italiana alla guerra in corso in Afghanistan;
- unanime adesione all'impegno contro il femminicidio e sostegno all'appello "Scioperiamo. Per fermare la cultura della violenza";
- unanime solidarieta' alla ministra Cecile Kyenge e sostegno alla richiesta al Governo e al Parlamento che siano al piu' presto approvate leggi che riconoscano che ogni persona che e' nata in Italia deve avere i diritti di ogni persona che e' nata in Italia; che ogni persona ha diritto a votare nel luogo in cui vive, lavora, paga le tasse, contribuisce al bene comune; che una persona puo' essere perseguita penalmente solo se commette un effettivo reato, non per il solo fatto di esistere; che i campi di concentramento vanno aboliti; che tutti gli esseri umani fanno parte dell'umanita'; che vi e' una sola umanita' in un unico mondo casa comune dell'umanita' intera; e che siano al piu' presto abolite tutte le abominevoli misure razziste imposte in anni passati da precedenti governi, che violano la Costituzione della Repubblica Italiana e i diritti umani di tutti gli esseri umani;
- unanime sostegno all'iniziativa contro i cacciabombardieri F-35