Post Malagrotta: Marino vuole studiare il dossier

01/08/2013 di Redazione
Post Malagrotta: Marino vuole studiare il dossier

Slitta la scelta definitiva sulla discarica che sostituirà Malagrotta. Sottile ha individuato una cava al chilometro 15 dell'Ardeatina, in località Falcognana, già operativa per lo smaltimento del fluff, il residuo delle carcasse di automobili. In due dei tre lotti disponibili potrebbe finire ora ("per non più di 24 mesi", scrive a chiare lettere Sottile) la spazzatura della capitale. Ma Marino, che avrebbe dovuto fare il suo proclama nel pomeriggio di mercoledì, dice che vuole approfondire il dossier di Sottile. Intanto Zingaretti dichiara "certezze: a Roma non ci sarà mai più una nuova Malagrotta perché mai più si interreranno rifiuti tal quale". Il governatore fa presente che "verrà valutata la proposta di Sottile ma se sarà il sito sull'Ardeatina non si dovrà aprire nessuna nuova discarica perché lì ce n'è già una funzionante e autorizzata da anni per il trattamento dei rifiuti pericolosi che richiedono garanzie ambientali rigorosissime". La falda acquifera, in quel punto, ad esempio, sarebbe stata individuata a una profondità di20 metri. Al momento, l'unico problema segnalato anche nella relazione di Sottile, è quello della viabilità: "L'Ardeatina è la principale arteria di collegamento". Ovviamente gli abitanti della zona in cui dovrebbe nascere il post Malagrotta sono sul piede di guerra. Un centinaio di persone si sono riversate su via Ardeatina, bloccando il passaggio alle automobili proprio al km 15.300, di fronte al sito scelto per la discarica.  "Il nostro obiettivo non è fermare la strada, ma la discarica".