Turchia: nuove proteste

01/08/2013 di Redazione
Turchia: nuove proteste

Donne incinte con i mariti sono scese in piazza a seguito delle dichiarazioni del "pensatore" sufi, Omer Tugrul Inançer, che in uno show televisivo ha detto che le donne con il pancione in pubblico sono uno spettacolo "ignobile".  "Annunciare una gravidanza con uno squillo di trombe è contro la nostra civiltà. Non dovrebbero andarsene in giro per la strada con quelle pance. Prima di tutto è contrario all'estetica" . Immaginabili le reazioni sul web ma soprattutto in Piazza, e infatti le future mamme hanno sfidato le folli idee di Inançer "andandosene in giro" gridando slogan come "il nostro corpo è nostro". Non mancano nemmeno le proteste contro la politica repressiva di Erdogan a Istanbul, dove ieri sera la polizia turca ha disperso con gas lacrimogeni diverse centinaia di manifestanti, vicino a piazza Taksim a Istanbul. I dimostranti sono tornati a protestare contro il pugno di ferro usato dalle forze dell'ordine a giugno durante le rivolte anti-governative e a sostegno di un giovane in coma dopo essere stato colpito alla testa. Secondo quanto riportato dai media locali, i manifestanti sono stati bloccati dalla polizia che ha usato cannoni ad acqua, oltre a lacrimogeni. Berkin Elvan era stato colpito alla testa da un candelotto lacrimogeno sparato dagli agenti, mentre si era fermato a guardare una manifestazione andandoa comprare ilpane per la famiglia. Durante le proteste antigovernative degli ultimi due mesi 4 manifestanti sono stati uccisi, circa 7mila i feriti, mentre 11 hanno perso la vista