Segregare costa: La spesa per i “Campi nomadi”

26/09/2013 di Redazione
Segregare costa: La spesa per i “Campi nomadi”

E' stato presentato a Roma "Segregare costa. La spesa per i 'campi nomadi' a Napoli, Roma e Milano". Nel rapporto, risultato del lavoro di ricerca realizzato dalla cooperativa Berenice, dall'associazione Compare, dall'associazione Lunaria e dall'associazione OsservAzione, vengono analizzati i fondi pubblici investiti in queste tre metropoli italiane tra il 2005 e il 2011 per l'allestimento e la gestione del sistema dei "campi nomadi", gli spazi che le istituzioni hanno privilegiato per "ospitare" rom, sinti e camminanti nelle nostre città. La cifra complessiva è di almeno cento milioni di euro: soldi investiti dalle istituzioni per portare avanti la "politica dei campi", una politica segregazionista e ghettizzante non solo dal punto di vista spaziale e abitativo, ma anche sociale e culturale. Un sistema che, inoltre, non ha raggiunto risultati significativi in termini di una reale autonomizzazione delle persone. Alla luce dei dati analizzati e dei risultati emersi, è urgente e necessario che le istituzioni cambino del tutto il proprio approccio, abbandonando soluzioni "temporanee" e "ghettizzanti" per progetti di inclusione abitativa, sociale e lavorativa. I "piani nomadi" devono e possono essere sostituiti da "Piani di chiusura dei campi nomadi", prefigurando soluzioni abitative alternative, concordando con i residenti tempi e modalità del cambiamento.
Leggi la sintesi del Rapporto