La Turchia accoglie i profughi siriani

31/10/2013 di Redazione
La Turchia accoglie i profughi siriani

I rifugiati siriani in Turchia hanno superato quota 600mila ed oltre 400mila di loro vivono al di fuori dei campi, installati soprattutto nelle città di frontiere turche, riferisce Mustafa Aydogdu, portavoce del ministero della Gestione dei disastri e delle emergenze turco (Afad nella sua sigla inglese). Ankara ha promesso di mantenere la sua politica di "porte aperte" per coloro che fuggono dal conflitto siriano, anche se in più occasioni ha chiuso le sue frontiere dopo gli scontri verificatisi al confine. La Turchia condivide 900 chilometri di confine con la Sira, da sempre si è dichiarata anti Assad e sostenitrice dei ribelli. Sono circa 200 mila i siriani che vivono in 21 campi profughi distribuiti in dieci province mentre i restanti hanno scelto di vivere in alloggi in affitto fuori dai campi. Il primo ministro turco, Recep Tayip Erdogan, ha dichiarato in agosto che la Turchia ha già speso una cifra pari a 2 miliardi di dollari per ospitare i profughi siriani. Le Nazioni Unite prevedono che altri due milioni di siriani diverranno rifugiati nel 2014, mentre altri 2,25 milioni si tramuteranno in sfollati interni.