Ipsos: “L’immigrazione straniera: opportunità, risorse, problemi”

14/11/2013 di Redazione
 Ipsos: “L’immigrazione straniera: opportunità, risorse, problemi”

Secondo l'indagine condotta da Ipsos, il 64% degli italiani sarebbe favorevoli allo Ius soli. Il 64% degli intervistati valuta positivamente la proposta di concedere la cittadinanza ai nati in Italia; il 61% ritiene che siano una risorsa contro il 28% che vede gli immigrati come una minaccia. I dati sono stati presentati durante il lancio milanese della campagna "Il lavoro è cittadinanza" promossa dal Ministero dell'Integrazione e dall'Inps che si propone come obiettivo quello di comunicare il positivo apporto dei lavoratori migranti all'Italia. Il 64% è "molto d'accordo" con la proposta di concedere la cittadinanza ai figli nati in Italia, il 15% "abbastanza" e il 20% "poco" o "per niente". Infine, il 46% pensa che sia positivo che i migranti "ci abbiano fatto conoscere nuovi cibi, culture e comportamenti", per il 26% è "abbastanza positivo" e per il 27% lo è poco o per niente. "Sono rimasta sorpresa e felice di questi risultati -ha detto la ministra per l'integrazione Cecile Kyenge-. È un'Italia diversa da quella che spesso descrivono i mass media. È aperta all'accoglienza e non ha paura dell'immigrazione". Dal comunicato dell'Istituto di ricerca si legge:
" I risultati principali che emergono dalla ricerca sono:
•       Una tendenza a sopravvalutare la dimensione quantitativa dell'immigrazione, favorita anche dalle notizie continue sugli sbarchi di clandestini;
•       La percezione di essere abbandonati dall'Europa che tende a scaricare sul nostro paese la soluzione del problema degli sbarchi senza farsene carico come dovrebbe;
•       Una netta distinzione tra clandestini e regolari: i clandestini rappresentano non solo un rischio ma un costo, i regolari sono invece considerati una ricchezza per il paese da un lato perché contribuiscono finanziariamente e sostengono l'Inps attraverso i loro contributi e dall'altro perché contrastano il rischio di un paese sempre più vecchio;
•       La concorrenza sul lavoro per ora non sembra essere drammatica anche se con la crisi comincia a farsi sentire. Più diffusa l'idea che la competizione italiani/immigrati sia consistente nell'accesso al welfare locale, che tenderebbe a privilegiare gli immigrati;
•       L'immagine dei lavoratori immigrati è decisamente positiva: se ne apprezzano disponibilità, serietà, motivazione, onestà e correttezza. La maggioranza assoluta degli italiani li considera una risorsa irrinunciabile per la nostra economia;
•       Anche il loro contributo culturale è considerato positivo, aprendoci nuovi orizzonti;
•       Larghissima la maggioranza a favore dello ius soli, anche perché gli immigrati sono appunto considerati una risorsa per il paese;
•       Ma con un principio di precauzione verso i clandestini che sono appunto considerati un rischio: la maggioranza vuole il mantenimento del reato di clandestinità".
Per leggere il rapporto completo