I nuovi orari per i treni scontentano i pendolari di Latina

19/12/2013 di Redazione
I nuovi orari per i treni scontentano i pendolari di Latina

Sono da poco entrati in vigore i nuovi orari dei treni regionali, ma i pendolari sono critici: «Per noi della Roma-Nettuno quest'anno non sarà un cambio indolore - commenta Rosalba Rizzuto, del Comitato Pendolari - dopo quasi 20 anni di abitudini, adattamenti, orari di lavoro tagliati sui dettami di FS» «Il 23 ottobre la Regione ci ha ricevuti per presentarci i nuovi orari - continua la Rizzuto - annunciando che vi sono delle buone novità: sulla nostra linea avremo finalmente quasi tutti i treni (35) conformati ad 8 carrozze doppio piano, per viaggiare un po' meno compressi». Ma un'altra cosa non va: «Guardo il foglio con gli orari e mi accorgo che sono state tolte due corse giornaliere in fascia calda. E che tutti i treni dalle9 inpoi sono spostati in avanti di 35', sia all'andata che al ritorno. Chiedo se questo orario è blindato o può essere suscettibile di aggiustamenti». Dopo una analisi incrociata con i nuovi orari della FL8 (Roma-Nettuno) e della FL7 (Roma-Formia-Napoli), i pendolari inviano delle controdeduzioni. . Ma l'incontro del 9 dicembre non sortisce gli effetti sperati, l'orario della FL8 dal 15 dicembre resta tal quale, nessuna delle osservazioni viene recepita. «Monitoreremo», si limitano a dire le Ferrovie e la Regione. «La regione si è impegnata a fornire al comitato il tabulato dei ritardi mensili e gli indici di puntualità del servizio, mai ricevuti negli anni precedenti», dicela Rizzuto. Forsel'unica novità è che per contrastare vandalismi e reati «Trenitalia - racconta la Rizzuto - sta prendendo accordi col ministero della difesa. Secondo la Regione la presenza di forze dell'ordine e forze armate sui treni. Ma non ci fa sentire più sicuri stare accalcati in presenza dell'esercito. Né ciò risolverà l'evasione o il vandalismo, che si svolge in orari in cui non viaggiano i militari».