27 gennaio Giornata della memoria e del Porrajmos

23/01/2014 di Redazione
27 gennaio Giornata della memoria e del Porrajmos

Il Giorno della Memoria è una ricorrenza internazionale celebrata il 27 gennaio di ogni anno come giornata in commemorazione delle vittime del nazismo, dell'Olocausto e in onore di coloro che a rischio della propria vita hanno protetto i perseguitati. E Porrajmos è il termine in lingua romanì con cui Rom e Sinti indicano lo sterminio del proprio popolo da parte del nazismo durante la seconda guerra mondiale che provocò 500.000 vittime. Porajmos significa "grande divoramento" o "devastazione". In occasione della commemorazione di questa Giornata molte sono le iniziative in tutta Italia. A Roma, spettacoli, mostre e iniziative culturali per tutti, convegni rivolti alle scuole, agli operatori del III settore, ai cittadini, ai servizi d'informazione e media nazionali e locali. Oltre agli incontri, è stato promosso uno spot dal titolo "E tu quanti zingari conosci?", un sito web dedicato e un premio fotografico "Metti a fuoco i tuoi diritti". Infatti si terrà presso il MAXXI dalle ore 11.00 alle ore 19.00 il terzo degli eventi della campagna DOSTA! - cioè Basta! in lingua romanes - che è la campagna di sensibilizzazione per combattere pregiudizi e stereotipi sui rom e i sinti promossa dal Consiglio d'Europa e coordinata e finanziata dall'Ufficio nazionale Antidiscriminazioni razziali (UNAR) del Ministero per le Pari Opportunità.
 Alle ore 15.00 si avvierà la seconda parte della giornata con il saluto del Consigliere Marco De Giorgi,di Mons Giancarlo Perego e dei presidenti delle associazioni e federazioni Rom e Sinte aderenti (Museo MAXXI sala auditorium) rivolta ai funzionari pubblici, agli operatori del III settore e dell'associazionismo Rom e Sinti ed ai giornalisti. Alla fine della conferenza stampa suonerà l'Orchestra Europea della Pace e l'Alexian Group e si concluderà la giornata. Sarà presente al MAXXI anche il "ROM Atelier", progetto promosso dagli uffici Caritas e Migrantes della Diocesi di Roma e dalla Comunità di Sant'Egidio che propone l'inclusione sociale per le donne rom attraverso l'apprendimento di una abilità artigianale.  Si tratta di un laboratorio di sartoria con sede in  Lungotevere dei Vallati n. 9. Nell'ambito della manifestazione le donne dell'Atelier riprodurranno una piccola parte del loro ambiente di lavoro in cui mostrare e spiegare il significato dell'esperienza che stanno svolgendo.
Leggi il programma