Nasce a Cosenza “Via dell’Accoglienza” per i senza dimora

23/01/2014 di Redazione
Nasce a Cosenza “Via dell’Accoglienza” per i senza dimora

E' stata istituita a Cosenza un'area territorialmente non esistente, alla quale viene attribuita la denominazione di "Via dell'Accoglienza" destinata all'iscrizione anagrafica dei cittadini "senza fissa dimora". La via nasce dalla spinta della Federazione "Casa dei Diritti Sociali-FOCUS-Cosenza" contro l'esclusione sociale. Così l'amministrazione comunale di Cosenza e il Sindaco Mario Occhiuto hanno accettato la segnalazione di "Casa dei diritti sociali-FOCUS-Cosenza.  Il Sindaco Occhiuto ha dichiarato "Il Comune di Cosenza con questa azione dà seguito a quanto è nel suo DNA di città accogliente ed inclusiva, ed aggiunge un tassello a quanto l'Amministrazione comunale si prefigge in termini di iniziative tese a favorire l'inclusione sociale". Il Settore Affari Generali ha dunque predisposto l'iscrizione anagrafica dei cittadini senza fissa dimora, sulla scia di quanto avvenuto in altri Comuni italiani, vedi Roma, che fin dal2002 haistituto un'apposita posizione anagrafica. In questa area di circolazione, a Cosenza denominata "Via dell'Accoglienza", saranno iscritti con numero progressivo dispari:
a) i "senza fissa dimora" che eleggono domicilio nel Comune di Cosenza ma che, in realtà, non hanno un vero e proprio recapito nel Comune stesso;
b) le persone che, non avendo né dimora abituale né domicilio in alcun Comune, abbiano diritto all'iscrizione per nascita, così come prescritto dalla legge anagrafica, dal relativo regolamento di esecuzione e dalle disposizione impartite dall'Istat.
Si prende atto che, poiché l'indirizzo anagrafico di "Via dell'Accoglienza" risponde ad una convenzione e non ad un reale indirizzo di dimora, ogni notizia diretta agli iscritti, s'intende notificata a tutti gli effetti, con la pubblicazione all'Albo Pretorio, così come previsto dall'art. 143 del Codice di Procedura Civile.