Francia: pagati per andare al lavoro in bici. 25 centesimi per ogni km

13/03/2014 di Redazione
Francia: pagati per andare al lavoro in bici. 25 centesimi per ogni km

Lo stato francese, negli ultimi anni molto attento alla condizione ambientale, prepara un progetto che stanzia un piccolo contributo economico per incentivare l'abbandono della macchina e dei mezzi inquinanti: dai 21 ai 25 centesimi per ogni chilometro pedalato, pagati direttamente dal datore di lavoro, esenti da tasse e imposte. Un'iniziativa appositamente pensata per chi svolge il lavoro d'ufficio, costretto ad un'attività sedentaria dannosa alla salute, questa vuol'essere anche un'occasione per promuovere il moto e la vita sana. Dalla diffusione del progetto potrebbero inoltre nascere nuovi posti di lavoro. L'idea è stata proposta da Frédéric Cuviller, ministro francese dei trasporti, lanciando l'appello a tutte le aziende volontarie che vogliano aderire al sistema di rimborsi per i loro dipendenti che abbandonano l'auto. Per favorire lo sviluppo dell'iniziativa, sarà necessario intervenire sulle misure di sicurezza in situazioni stradali complicate e nel 2015 potrebbe essere utile per le aziende progettare parcheggi appositi per le biciclette dei dipendenti. Inoltre le multe per gli automobilisti che occuperanno i posti delle bici diverranno più salate (da 35 a 135 euro) e un futuro regolamento imporrà il limite di velocità a 30 km/h (da 50) sulle strade a senso unico. Ovviamente ci sarà un'agevolazione anche sul bike-sharing, per favorire non soltanto i possessori delle bici, e le piste ciclabili saranno espanse e più curate. Un'iniziativa certamente lodevole che potrebbe favorire insieme la sanità della città e dei cittadini.