Al Quadraro “Q44”: a settant’anni dal rastrellamento da parte dei militari tedeschi

17/04/2014 di Redazione
Al Quadraro “Q44”: a settant’anni dal rastrellamento da parte dei militari tedeschi

Ricorrono il 17 aprile i settant'anni dal rastrellamento del Quadraro, quartiere alla periferia sud-est di Roma, da parte dei militari tedeschi, durante la seconda guerra mondiale.
Per commemorare questi tragici avvenimenti è stato realizzato dai cittadini del Quadraro in collaborazione con i Municipi V e VII, la tre giorni "Q44" dal 16 al 19 aprile, attraverso manifestazioni, momenti di riflessione, gemellaggi con altre associazioni, iniziative ludiche e culturali, vuole testimoniare e reinterpretare le resistenze avvenute in differenti contesti e momenti storici.  Il quartiere, noto per la presenza di partigiani e oppositori al regime, era detto dai nazisti Nido di Vespe. Con questa operazione, chiamata operazione Balena, i nazisti deportarono in Germania oltre 700 uomini. Il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi insignì il Quadraro della medaglia d'oro al merito civile per la "Fulgida testimonianza di resistenza all'oppressore ed ammirevole esempio di coraggio, di solidarietà e di amor patrio".
'Q44' oltre all'obiettivo di sensibilizzare i cittadini, soprattutto i più giovani e meno informati, vuole interessare le istituzioni, perché tale deportazione, seconda a Roma dopo quella del Ghetto, venga storicizzata, diventi patrimonio comune e possa comparire sui libri di scuola