Cassino: nelle falde acquifere varie tracce di metalli

24/04/2014 di Redazione
Cassino: nelle falde acquifere varie tracce di metalli

Drammatica la situazione delle falde acquifere alla periferia di Cassino, in località Nocione. L'Arpa Lazio dopo i prelievi fatti il 26 febbraio, presso un pozzo privato di via Sferracavalli, ha reso pubblici i risultati: valori oltre soglia di ferro, manganese, alluminio e mercurio ma anche la presenza di Cromo Totale e Cromo VI.
"Questa inquietante notizia, arrivata dall'Arpa Lazio, - affermano gli ambientalisti - conferma che tutta la falda, da trent'anni è contaminata da questi metalli pericolosissimi per la salute umana. La popolazione di Cassino continua ad essere in pericolo, mentre la politica, da 16 anni, parla di consigli comunali straordinari, interpellanze parlamentari, bonifica, caratterizzazione. Tutte parole e nessun fatto concreto", concludono.  Recentemente la Procura di Cassino ha archiviato il caso per intervenuta prescrizione, quindi non resta che avviare la fase di bonifica per la quale l'amministrazione comunale ha coinvolto tutti gli enti interessati. "Il pozzo analizzato - si legge nella relazione- si trova a una distanza di circa 800 metri dal sito ex discarica in località Nocione nel comune di Cassino, per il quale agli atti risulta avviato un procedimento di bonifica".