Verso il Primo maggio

30/04/2014 di Redazione
Verso il Primo maggio

La Festa dei lavoratori è stata istituita in molti Paesi del mondo per ricordare l'impegno del movimento sindacale e i traguardi raggiunti dai lavoratori in campo economico e sociale.
Purtroppo oggi diventa ancora più rappresentativa anche se più che festa dei lavoratori dovrebbe parlarsi di quella dei "non lavoratori": il tasso di disoccupazione in Italia rimane ancora molto alto soprattutto tra i giovani e prevalentemente al Sud.
Ma le celebrazioni di quegli operai che hanno lottato negli anni per un salario e un degno orario di lavoro vanno avanti.
A Roma ci sarà il consueto concertone di Piazza San Giovanni organizzato da CGIL, CISL e UIL. Il tema dell'edizione 2014 sarà: "Le nostre storie. Accordi e disaccordi delle nostre radici, della nostra memoria e del nostro domani", un omaggio alla storia italiana.
Tale evento seguirà un altro avvenimento importante che ha messo in ginocchio la capitale per l'afflusso massiccio di persone. La canonizzazione dei due papi, Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II, ha causato l'arrivo di circa un milione e mezzo di fedeli, mettendo duramente alla prova i servizi capitolini. Due eventi tanto diversi per composizione del pubblico - pellegrini italiani e stranieri da una parte, giovani e lavoratori italiani dall'altra - quanto simili per affluenza. L'agenzia per la mobilità romana ha già dichiarato che giovedì bus e tram saranno in servizio dalle 8,30 alle 13 e dalle 16,30 alle 21. Le linee A, B e B1 della metropolitana saranno attive con orario prolungato fino all'1,30 della notte per consentire il deflusso, già aggravato dalla permanenza nella città dei pellegrini che hanno scelto di sostare a Roma fino al week end. Chiusa al traffico la zona tra viale Carlo Felice, piazza di Porta San Giovanni e via Emanuele Filiberto. Deviate o limitate numerose linee di bus e tram, l'Atac dichiara probabile chiusura anche della stazione della metro A San Giovanni.Per il secondo anno consecutivo, il concerto del primo maggio 2014 si terrà anche in Puglia, a Taranto, al Parco Archeologico delle Mura Greche, in via Lacaita. Il titolo di quest'anno è "Futuro? Quale futuro?" comincerà alle ore 15 e proseguirà per tutta la giornata con numerosi artisti e cantanti che si susseguiranno nel corso della manifestazione. La città è stata scelta come emblema dei lavoratori, per la ormai conosciutissima tragedia dell'Ilva, una lotta tra diritto al lavoro e diritto alla salute. Ma soprattutto un'iniziativa dedicata ad una città caduta in ginocchio a causa dell'inquinamento prodotto proprio da quell'industria che dava lavoro a mezza città, alla provincia, alla regione.