10 giugno: Giornata conclusiva dei progetti FEI di Roma e provincia

12/06/2014 di Redazione
10 giugno: Giornata conclusiva dei progetti FEI di Roma e provincia

Martedì 10 giugno, presso l'Aula Consiliare della Provincia di Roma, si è tenuto l'evento conclusivo dei progetti FEI finanziati nel territorio della provincia di Roma per l'annualità 2012: "Roma Accoglie. Dalle difficoltà alle opportunità". L'iniziativa, promossa e coordinata dal Consiglio Territoriale per l'immigrazione della Provincia, ha visto la presentazione dei progetti realizzati da enti, associazioni e cooperative nell'annualità 2012 grazie ai finanziamenti del Fondo Europeo per l'Integrazione dei Cittadini di Paesi Terzi.
Dopo i saluti istituzionali del Prefetto di Roma, Pecoraro, e del Vice Capo Dipartimento per le Libertà Civili e l'Immigrazione del Ministero dell'Interno, Malandrino, hanno introdotto i lavori i Viceprefetti Bombagi, responsabile del coordinamento del Consiglio Territoriale per l'Immigrazione della Provincia di Roma, e Rosa, della Direzione Centrale per le politiche dell'immigrazione e dell'asilo presso il Ministero dell'Interno. È intervenuto, inoltre, il senatore Manconi, Presidente della Commissione Diritti Umani.
Il professore Fiorucci, del Dipartimento di Scienze della Formazione dell'Università Roma Tre, ha aperto il momento dedicato alla presentazione dei progetti, condividendo con i presenti alcune considerazioni generali sulla qualità delle attività realizzate e sul valore dei progetti implementati dagli enti della società civile per l'inclusione sociale dei migranti nel nostro Paese; sull'opportunità di mettere le buone pratiche a sistema e fare rete; sulla necessità inderogabile di aprire l'Italia ad una prospettiva interculturale e plurilingue, data la presenza ormai stabile di oltre 5 milioni di cittadini di origine straniera, di cui quasi 800 mila minori iscritti nelle nostre scuole.
Attraverso i fondi FEI, infatti, vengono sostenuti interventi essenziali in settori chiave come l'integrazione linguistica e l'educazione civica,  l'orientamento al lavoro e il sostegno all'occupabilità, l'inclusione dei giovani, la mediazione sociale e il dialogo interculturale, lo scambio di esperienze e buone pratiche. I progetti sono stati implementati sia da enti locali ed ASL che da associazioni, Università, istituti di ricerca, aziende ospedaliere.
Naturalmente, nel corso della mattinata è stato presentato anche "Orientamenti Interculturali per la Cittadinanza", il progetto che FOCUS - Casa dei Diritti Sociali, in qualità di partner, ha realizzato insieme al capofila CREIFOS (Centro di Ricerca sull'Educazione Interculturale e la Formazione allo Sviluppo dell'Università di Roma Tre) e ad una rete di scuole ed associazioni delle comunità migranti.
Il progetto, alla sua seconda annualità, ha avuto come obiettivo principale quello di promuove l'inclusione sociale e la cittadinanza attiva dei giovani di origine straniera, attraverso il sostegno al diritto allo studio, all'inserimento scolastico e sociale e al dialogo interculturale. Attività fondamentali del progetto sono state l'orientamento nelle transazioni formative tra i diversi gradi scolastici, i laboratori di apprendimento della lingua italiana L2, i laboratori interculturali e sulle lingue materne in numerose scuole del territorio romano.