Viterbo: il costo dei rifiuti trasferiti a Cisterna di Latina

12/06/2014 di Redazione
Viterbo: il costo dei rifiuti trasferiti a Cisterna di Latina

Emergenza rifiuti anche a Viterbo. Dal 18 febbraio la società che gestisce lo smaltimento della spazzatura, Ecologia Viterbo, ha detto basta ai rifiuti da spazzamento. La direzione della società ha reso noto che "per la produzione di combustibile da rifiuto vanno rispettati certi parametri, quelli da spazzamento invece fanno aumentare il livello delle ceneri".
Questo quindi il motivo del no: i rifiuti da spazzamento creerebbero problemi di produzione ed aumenterebbero il rischio di blocco degli stessi. Il brecciolino, i metalli pesanti e gli idrocarburi, presenti in una percentuale molto alta nei rifiuti generati dallo spazzamento, metterebbero a serio rischio l'integrità degli impianti.
La giunta Michelini ha quindi preso provvedimenti, deliberando il trasferimento dei rifiuti all'impianto Refecta di Cisterna di Latina, mentre la presa in riserva resterà a carico di Ecologia Viterbo. Il tutto a costi molto alti, come si legge nella delibera: "il maggior costo corrispondente al differenziale tra la tariffa del conferimento in discarica e quella proposta da Ecologia Viterbo, stimato sui quantitativi medi dello scorso anno ammonta a 45 mila euro oltre iva l'anno".
Una cifra che graverà molto, sia sul bilancio di Comuni e frazioni, che sulle tasche dei contribuenti. Il tutto senza considerare l'enorme danno ambientale dato dal trasporto su gomma dei rifiuti, ora che il Lazio sta già trasferendo una quantità impressionante di spazzatura al di fuori della regione.