Nasce il Comitato Civico “Maddaloni Salute”

17/07/2014 di Redazione
Nasce il Comitato Civico “Maddaloni Salute”

Si è costituito il Comitato Civico "Maddaloni Salute", con l'obiettivo di preservare l'autonomia dell'Ospedale di Maddaloni, che rischia l'accorpamento con l'ospedale di Marcianise. Primo atto pubblico del neonato Comitato è la manifestazione di Giovedì 17 Luglio presso Piazza della Pace a Maddaloni: qui, a partire dalle ore 9,00, si riuniranno tutti i membri del comitato assieme a quanti intenderanno dare il proprio sostegno alla causa. Il Comitato Civico "Maddaloni Salute" è costituito da: il sindaco Rosa de Lucia, i Consiglieri  Comunali e gli assessori comunali: Giuseppe d'Alessandro, Lucia Scarano, Cecilia D'Anna, Michele Cerreto, Salvatore Magliocca, Tommaso Ferraro; Franco Roberti e Michele della Rocca, rappresentanti Aica Salvatore Nappo e Luigi Giannini rappresentanti comitato "Vogliamo tutto l'ospedale a Maddaloni"; Alessandro Cioffi, rappresentante di "Civitas è"; Mariapia Lurini rappresentante delle associazioni "Casa dei Diritti Sociali Auto Mutuo Aiuto" e Associazione Pronto diritti Ama; Caterina Bucciero, rappresentante sindacale Uil- Fpl; Rosa Rivetti, rappresentante dell'associazione "La Forzadel Cuore"; Renato De Lucia, rappresentante dell'associazione "Viviamo Cancello"; Sandro Correra, rappresentante Cooperativa Medici di Famiglia Caserta 1.
Il  Comitato, costituitosi in tutela del diritto primario alla salute dei cittadini Maddaloni  e dei residenti nei comuni di tuttala Valle di Suessola, diffida ogni provvedimento consequenziale alla riorganizzazione e alla dismissione della rete ospedaliera dell'Asl Caserta e stigmatizza il comportamento degli organi dirigenziali dell' Asl  e in particolare della direzione sanitaria del presidio ospedaliero che hanno disatteso l'obbligo derivante dalle norme di legge e  istituzionale nelle scelte riguardanti la soppressione delle unità operative e /o servizi e la conseguente mobilità del personale interessato. Il Comitato chiede la modifica del piano Zuccatelli e la sospensione immediata di ogni provvedimento ad oggi adottato. Il Comitato , chiede, inoltre,  di acquisire i riferimenti deliberativi che hanno portato alla chiusura delle unità operative con trasferimento di personale  ed in mancanza degli stessi l'immediata revoca. Il Comitato si riserva  di adire le vie legali civili, penali ed amministrative  e di attivare ogni forma di lotta per la salvaguardia e la tutela del bene comune  - salute. La missiva è stata inoltrata al presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, al sub Commissario per l'attivazione del Piano di Rientro del Disavanzo Ssr, Mario Morlacco, al Direttore Generale dell'Asl Paolo Menduni, al Prefetto di Caserta, al Questore di Caserta,  al Comandante Provinciale Carabinieri Caserta, al Comando dei Vigili del Fuoco, ai sindaci del Comuni di San Felice a Cancello, Santa Maria a Vico, Cervino, Valle di Maddaloni e Arienzo, oltre che al Presidente della Provincia, Domenico Zinzi.