Roma: in arrivo la stangata con il Bilancio previsionale 2014

17/07/2014 di Redazione
Roma: in arrivo la stangata con il Bilancio previsionale 2014

Arrivato in questi giorni il bilancio previsionale 2014 che il sindaco e la maggioranza comunicano di voler approvare entro fine luglio, nonostante la proroga concessa dal governo fino al 30 settembre. I consiglieri lavoreranno con molto impegno per studiare la manovra, passata in giunta lo scorso aprile, che prevede 117 milioni di tagli alla spesa corrente e 224 milioni di entrate in più rispetto allo scorso 2013.
A subire i maggiori tagli saranno il dipartimento di Politiche sociali (16,7 milioni), il dipartimento alla Mobilità (15,9 milioni), le Politiche abitative (13,7 milioni), il Patrimonio (12,7 milioni) e il dipartimento Cultura, per cui è già stata designata Giovanna Marinelli. Le entrate, invece, saranno perlopiù tributarie (44,78%), extratributarie e alienazioni di beni patrimoniali e trasferimento di capitali. Il Comune di Roma nell'ultimo anno ha subìto una riduzione pro capite pari a 231 euro per abitante, il doppio della media degli altri comuni. Per questo sono state previste alcune agevolazioni: per le prime case, ad esempio, la Tasi si attesterà al 2,5 per mille, e all'11,4 per mille per le seconde. Se però la seconda casa viene data in uso ai figli che hanno un reddito Isee inferiore ai 15 mila euro la Tasi resta a quota 2,5. L'IRPEF resterà invariata ma chi avrà un reddito inferiore ai 10mila euro sarà esente dal pagarla.
In aumento le tasse di soggiorno: i turisti in un hotel a 5 stelle romano dovranno pagare 7 euro al giorno contro gli attuali 3. A seguire 6 euro per i 4 stelle, 4 euro per i 3 stelle e 3 euro a 2 e 1 stella. Tariffe lievitate anche per gli agriturismi, b&b e campeggi. Il Campidoglio conta di recuperare da questi aumenti dai 55 ai 90 milioni di euro. Stangata in arrivo anche per le occupazioni di suolo pubblico: soprattutto i camion bar vedranno aumentare la loro tariffa giornaliera da 3 a 30 euro, anche i venditori di souvenir ora ne pagheranno 4 contro l'1 dello scorso anno e nessun rialzo è previsto per le attività commerciali.
Un concerto analogo a quello dei Rolling Stones plausibilmente farà guadagnare a Roma 300mila euro invece degli effettivi 8mila dello scorso mese.
Rincari pesanti anche per le strisce blu: nel centro storico costeranno 1,5 euro l'ora e i permessi ZTL diventeranno di 10 volte più cari.
Non è, tuttavia, ancora detta l'ultima parola: nei prossimi giorni scadrà il termine per presentare gli emendamenti e gli ordini del giorno al bilancio e bisognerà fare i conti con le proposte dei vari esponenti.