Roma: aumento delle tariffe comunali

11/09/2014 di Redazione
Roma: aumento delle tariffe comunali

Il nuovo tariffario capitolino comporterà un aumento sconfortante dei costi dei servizi municipali: in aumento la tariffa sui rifiuti, il trasporto scolastico, i parcheggi e le rette per l'asilo nido. L'ex assessore alla scuola, Gigi De Palo, ha calcolato che "nel 2014 una famiglia normale a Roma pagherà per le spese al nido e alla materna e per le imposte municipali 2.275 euro in più rispetto al 2013". Per fare questo calcolo è stato preso in esame il caso di una famiglia normale: due figli (uno alla materna e uno all'asilo), un appartamento di proprietà e un ISEE di 20.000 euro annui. Nel calcolo vengono considerati: TASI e TARI, mensa scolastica, trasporto scolastico per un figlio, asilo nido e parcheggio per un componente della famiglia. Ne risulta un aumento di 208,76€ in più al mese che diventano 2.275,20€ annui.
Nel caso dell'asilo nido si avrà un rincaro dal 7 al 15%, distribuito a seconda delle fasce di reddito. L'amministrazione comunale, tuttavia, assicura che ci saranno comunque sconti e agevolazioni a sostegno dei nuclei familiari più numerosi: le famiglie con due figli iscritti al nido hanno diritto alla riduzione del 30% sul totale delle quote. Dal terzo figlio in poi scatta l'esenzione per  i nuclei familiari con l'Isee al di sotto dei 10.000 euro. Saranno esenti dal pagamento  anche le famiglie assistite dai servizi sociali. Rincari delle rette mensili che l'amministrazione definisce necessari per la manutenzione delle strutture e la creazione di nuovi posti di lavoro.
Un incremento imponente, che comporterà non poche difficoltà alla popolazione. La cosa che appare più rilevante è che l'aumento riguarda anche una serie di servizi di base, come l'asilo nido: Roma non è una città a misura di bambino?