Ipsos: l’Italia è il paese più ignorante in materia di immigrazione

06/11/2014 di Redazione
Ipsos: l’Italia è il paese più ignorante in materia di immigrazione

Un sondaggio Ipsos rivela che la maggior parte degli italiani dimostra un'ignoranza record  rispetto ai fenomeni che caratterizzano la materia immigrazione: la gran parte dei cittadini italiani ritiene che i migranti residenti sul suolo italiano costituiscano addirittura il 30% della popolazione, mentre i dati testimoniano che questi sono appena il 7%.
Siamo il Paese che nel mondo dimostra la percezione della realtà più distorta in assoluto, paradossale perché il contatto con i flussi migratori degli ultimi anni avrebbe dovuto se non sensibilizzarci quantomeno istruirci, o almeno spingerci a farci delle domande quantomeno statistiche.
I dati di Ipsos-Mori dichiarano inoltre che gli italiani sono convinti che il proprio paese sia invaso non solo dagli immigrati, ma per la maggior parte da musulmani. Alle domande specifiche gli intervistati hanno risposto che il 30% dei migranti è composto "di certo" da musulmani, mentre questi nella realtà sono appena il 4%.
Lo studio si chiama "The ignorance index" ed è stato condotto in 14 Paesi, gli italiani sono nettamente i primi della classifica. Più coscienti di noi sono i cittadini degli USA, Corea del Sud, Polonia, Ungheria, Francia, Belgio, Canada, Gran Bretagna, Australia, Germania, Giappone e Svezia, che risulta la nazione più informata.
Alcuni falsi miti italiani riguardano anche lo stato dell'occupazione dei migranti residenti su suolo italiano: la gran parte degli intervistati alla domanda "quanti sono i disoccupati stranieri?" ha risposto "il 50%", mentre in realtà è il 12%. A "quanti sono i cittadini stranieri con più di 65 anni?" la maggior parte ha risposto "il 48%", mentre sono soltanto il 21%.
Qui il link al sondaggio.