ISMU: 5 milioni e mezzo i nuovi stranieri italiani

06/11/2014 di Redazione
ISMU: 5 milioni e mezzo i nuovi stranieri italiani

Sono più di 5 milioni e mezzo i migranti residenti sul territorio italiano. La maggior parte di questi cittadini stranieri è costituita da lavoratori e studenti, impiegati in diversi settori. La novità, contrariamente a quanto le tendenze mediatiche vorrebbero far credere, è che nel 2014 la percentuale irregolare risulta al suo minimo storico: gli stranieri senza un regolare permesso di soggiorno sono circa 300mila, il 6% del totale.
Questi i dati del XX Rapporto nazionale sulle migrazioni 2014 realizzato dalla Fondazione Ismu,  la crescita rapida della popolazione straniera negli ultimi vent'anni va da 500mila unità a 5 milioni e mezzo.
Se l'immigrazione di vent'anni fa era principalmente legata a motivi di lavoro, le tendenze di quella odierna sono per lo più rappresentate da ricongiungimenti. Infatti, negli ultimi quattro anni abbiamo assistito ad una forte diminuzione dei flussi in entrata legati ai permessi di soggiorno e al tempo stesso si è verificato un sensibile incremento degli arrivi via mare, perlopiù di migranti provenienti da paesi in guerra.
Nel 2014, dal 1 gennaio al 15 ottobre i migranti sbarcati nel nostro paese sono stati più di 150mila, un numero record costituito per metà da siriani ed eritrei, triplicato rispetto allo scorso anno. Tuttavia, le recenti ricerche dimostrano che le mete dei migranti giunti in Italia, sono per lo più la Svezia e la Germania: il nostro è un paese di transito, per questioni geografiche al centro di complessi e numerosi flussi di immigrazione, ma non più una destinazione.
Della comunità straniera residente stabilizzata in Italia, le famiglie composte esclusivamente di componenti stranieri sono oltre un milione e 300mila; romeni albanesi e marocchini rappresentano il 40% del totale di stranieri presenti.
Un altro dato è che nonostante la crisi che affligge l'Italia l'occupazione straniera presenta una controtendenza rispetto a quella italiana, inesorabilmente in calo: nel 2013 gli occupati stranieri sono 2.356.000, 22.000 in più rispetto al 2012. Gli alunni con cittadinanza non italiana nell'anno scolastico 2013/14 invece sono stati 802.785, il 9% degli studenti totali.
Durante lo scorso anno in Italia sono state presentate 28.700 domande di asilo, una cifra ancora sotto la media Europea (si pensi che in Germania sono pervenute 109.600 domande nel 2013, in Francia 60.100 e in Svezia 54.300).
Se all'inizio degli anni novanta i minori presenti erano poco più di 100mila, oggi sono 649mila: una crescita enorme, i bambini sono più che duplicati negli ultimi vent'anni.