Migranti: una famiglia su tre sotto la soglia di povertà

27/11/2014 di Redazione
Migranti: una famiglia su tre sotto la soglia di povertà

La Fondazione Leone Moressa su dati della Banca d'Italia ha fatto una ricerca sulle condizioni economiche delle famiglie straniere che vivono in Italia: un terzo di queste risulta vivere sotto la soglia di povertà, circa il 33,9% del totale. Vivono per la maggior parte in appartamenti sovraffollati, nelle periferie delle grandi città, e il loro reddito medio ammonta a 16.629 euro, più o meno la metà di quello medio di una famiglia italiana. La conseguenza di questa condizione è che le famiglie straniere tendono ad indebitarsi più che a risparmiare, mentre quelle italiane riescono a risparmiare mediamente 6.000 euro l'anno. Mentre un terzo delle famiglie straniere risulta sotto la soglia di povertà, le famiglie italiane nella stessa condizione sono il 12,4%, circa la metà.
Delle famiglie di origine straniera, il 75% di queste vive in affitto e solo il 13,7% è proprietario dell'abitazione di residenza; il restante 11,6% è in usufrutto oppure in uso gratuito. Le famiglie italiane invece vivono principalmente in immobili di proprietà (il 71,2%) e solo il 17,8% vive in affitto. La superficie media di un abitazione che ospita un'intera famiglia straniera, inoltre, è di circa 68 mq contro i 103 mq medi degli italiani, e mentre una ridotta percentuale di questi vive in condizioni di sovraffollamento (più famiglie in una casa, oppure famiglie numerose in abitazioni inadeguate), il 37% delle famiglie straniere vive in appartamenti troppo piccoli.