A Roma inaugurata la prima casa della salute

04/12/2014 di Redazione
A Roma inaugurata la prima casa della salute

Ha aperto la prima Casa della Salute della Capitale. Il servizio, inserito nella palazzina dell'Ospedale Oftalmico in via Fra Albenzio 10, è stato inaugurato da Nicola Zingaretti, Presidente della Regione Lazio, e da Angelo Tanese, Direttore Generale della Asl Roma E. Presenti anche il Sindaco di Roma Marino e la Presidente del I Municipio, Sabrina Alfonsi.
La Casa della Salute offre una serie di servizi: prelievi, attività specialistiche (angiologia, audiometria, cardiologia, dermatologia, diabetologia, dietologia, endocrinologia, gastroenterologia, medicina interna, neurologia, ortopedia, otorinolaringoiatria, pneumologia, reumatologia e urologia), radiologia, servizio protesi e ausili, équipe per la gestione di malati con patologie croniche e degenerative, unità valutative per la presa in carico di soggetti fragili, ambulatori infermieristici e centro di assistenza domiciliare.
Un'ulteriore novità è rappresentata dal servizio garantito anche nei fine settimana e nei giorni festivi: alcuni ambulatori per l'assistenza primaria verranno messi a disposizione di medici di medicina generale e pediatri di libera scelta. Un servizio che sarà attivo a partire dal 20 dicembre, garantendo la copertura anche durante le vacanze di Natale.
Nel Lazio sono ora attive quattro case della salute finanziate da uno stanziamento di 450mila euro della regione. Un investimento che però si rivelerà particolarmente fruttuoso a lungo termine: "un ricovero o un accesso al pronto soccorso costa molto di più. Un ricovero di un giorno in un ospedale costa 1.200 euro a paziente, la stessa cura in un reparto a degenza infermieristica costa 200 euro al giorno. La stessa prestazione, ma in un contesto diverso, fa risparmiare mille euro al giorno a paziente. Sono investimenti che promuovono una netta riduzione dei costi della prestazione, anche perché entrano in campo i medici di medicina generale che offrono i servizi dentro una struttura pubblica", ha spiegato Nicola Zingaretti.
Un investimento che è nato sul finire della stagione dei tagli alla sanità, per rilanciare l'innovazione nel campo della assistenza sanitaria: "l'obiettivo è quello di offrire cure più adeguate attraverso questa rete di Case della salute, aperta dalle 7.30 alle 18.30, che offre la prima cura a chi ha bisogno perché purtroppo nel Lazio ci sono solo i pronto soccorso e solo gli ospedali, invece in questi luoghi si può ricorrere per la prima cura, per un'analisi, per una domanda immediata, più vicina al territorio, senza avere l'obbligo di ricorrere all'ospedale. Questa è una grande rivoluzione che, ne sono convinto, aumenterà la qualità delle cure, anche diminuendo i costi, che è il nostro principale obiettivo", ha concluso il presidente della regione Lazio.
Per finire, a partire dal 6 dicembre saranno attivi - anche il sabato e la domenica - cinque poliambulatori gestiti dai medici di medicina generale, e verrà a breve inaugurata un'altra casa della salute a Ostia. Questo rafforzamento dei servizi sanitari per i cittadini sembrerebbe di buon auspicio per l'inaugurazione di una nuova stagione di innovazione, e noi restiamo in attesa di ulteriori sviluppi.