UE: ad aprile parte l’operazione Amber Light per “scovare” i migranti senza regolare permesso di soggiorno

26/03/2015 di Redazione
UE: ad aprile parte l’operazione Amber Light per “scovare” i migranti senza regolare permesso di soggiorno

Partirà ad aprile Amber Light, l'operazione di polizia di tutta Europa per trovare i migranti che sono rimasti sul territorio europeo dopo la scadenza del visto d'ingresso. Tecnicamente vengono definiti gli overstayers, in sostanza sono coloro che si sono trattenuti in Europa in attesa di una sanatoria o la pubblicazione di un decreto flussi. La maxi operazione della polizia europea vorrebbe scovarli mentre cercano di tornare nei loro Paesi magari partendo da uno stato diverso da quello d'ingresso, magari sperando di evitare sanzioni.
L'operazione Amber light 2015 è stata proposta dal governo lettone che al momento ha la presidenza di turno del Consiglio Europeo. I controlli, secondo quanto svelato dalla ONG Statewatch, si svolgeranno soprattutto negli aeroporti ma probabilmente saranno estesi anche ai confini marittimi e terrestri.  Il periodo scelto è tra il 1 e il 14 aprile,  a ridosso della Pasqua, quando dovrebbero intensificarsi le partenze, ma nel documento è prevista anche, in alternativa, una finestra tra il 18 e il 30 aprile. Ufficialmente, Amber Light servirebbe solo a raccogliere dati per fare una statistica sull'entità del fenomeno degli overstayers, sulle loro "rotte" per aggirare i controlli, e sull'utilizzo di documenti falsi, ma è molto prevedibile che per chi verrà sorpreso , ad esempio in un aeroporto italiano, non solo scatteranno le sanzioni ma potrebbe scattare anche un'espulsione. Era il 2014 quando l'operazione Mos Maiorum fermò  oltre ventimila migranti.