Unesco: nel Mediterraneo sette luoghi simbolo per conservazione e sviluppo delle attività tradizionali

09/04/2015 di Redazione
Unesco: nel Mediterraneo sette luoghi simbolo per conservazione e sviluppo delle attività tradizionali

Tra i Patrimoni dell'Unesco non ci sono solo beni e luoghi d'arte ma anche beni immateriali che tramandano la conservazione e lo sviluppo delle attività tradizionali, dei riti, delle tecniche e dei mestieri collegati alla pesca e all'agricoltura delle comunità del Mediterraneo. L'Unesco ha individuato e riconosciuto sette luoghi simbolo:
Il Cilento in Italia, merito del grande nutrizionista americano Ancel Keys che ha definito questa zona dell'Italia il "triangolo di lunga vita". In particolare, si riferiva ad alcuni comuni costieri del Parco Nazionale del Cilento: Pioppi, Acciaroli, Pollica, San Mauro, Castellabate, Agnone e Velia dove il regime alimentare consisteva, almeno fino a quarant'anni fa, in frutta, verdura, olio extravergine d'oliva, legumi, pesce, pasta e aria pulita.
Soria in Spagna situata nella Spagna nord orientale, e inserita tra i luoghi simbolo della dieta mediterranea per aver creato, protetto e trasmesso questo patrimonio culturale comune. Ha investito le sue risorse nell'identificazione, nella documentazione e nella conservazione di eventi, riti, feste, pratiche artigianali inerenti la dieta mediterranea. Sono rinomati alcuni prodotti tipici locali: il vino, il burro, il maiale, l'agnello e la polenta.
Koroni in Grecia, si affaccia sul golfo del Peloponneso ed è circondato da uliveti e orti coltivati. L'alimentazione si basa prevalentemente su frutta, verdura, olio e pesce fresco.
Chefchaouen in Marocco caratterizzata dalle pareti delle case colorate di blu, proprio come l'indiana Jodhpur, nel Rajasthan. Questo luogo, ricco di prodotti tipici eccellenti come l'olio d'oliva, il formaggio di capra e i fichi secchi, ha avviato un progetto di sviluppo sostenibile che ha la finalità di preservare la sua ricca cultura agroalimentare.
Agros a Cipro ha una posizione geografica invidiabile e le famiglie che abitano in zone rurali autoproducono quasi la totalità degli alimenti di cui si nutrono quotidianamente. Si consumano ceci, fagioli, fichi, erbette agri e datteri. Agros è situato a sud ovest, in una zona montagnosa dell'isola. Circondato dai vigneti, da alberi di mandorle, noci e nocciole, offre una vasta gamma di delizie mediterranee: salsicce, carne di agnello, di pecora e deliziose confetture di frutta.
Tavira in Portogallo, situata nella regione dell'Algarve nel sud del Portogallo, è una cittadina affacciata sul mare e produce prodotti tipici quali olio d'oliva, prodotti ittici, arance, erbe aromatiche, ortaggi, sale marino e formaggi.
Brac e Kvar in Croazia, queste due isole croate sono state inserite nell'elenco dei luoghi simbolo della dieta mediterranea per l'alimentazione equilibrata e lo stile di vita sano che le caratterizza. Nella dieta dalmata sono presenti pesce fresco, frutti di mare, ortaggi, frutta e vino