Istat: cinque milioni gli stranieri residenti in Italia

28/05/2015 di Redazione
Istat: cinque milioni gli stranieri residenti in Italia

Sono oltre cinque milioni gli stranieri residenti in Italia, è quanto dichiara l'Istat, il Rapporto annuale 2015. Si tratta dell'8,3% della popolazione . Per gli italiani, spiega l'Istituto di statistica, prosegue il trend di invecchiamento mentre fra gli stranieri residenti la quota di anziani è più bassa. Secondo i dati nel 2013 il 13% dei matrimoni ha almeno uno degli sposi straniero (nel 1995 erano il 4,8%). Nasce fuori dal matrimonio oltre un quarto dei bambini che hanno genitori italiani, nel Centro-nord la quota è più alta (circa un terzo). Gli alunni stranieri sono oltre 800 mila, pari al 9% della popolazione scolastica. Aumenta di circa il 12% la presenza di alunni stranieri nati in Italia, che ormai sopravanzano i figli dei migranti arrivati in Italia dopo la nascita. La metà degli studenti stranieri tra i 10 e i 24 anni iscritti alle scuole italiane secondarie di primo e secondo grado vorrebbe proseguire gli studi e iscriversi all'Università. Secondo l'Istat più della metà degli stranieri (di 14 anni e oltre) si trova bene in Italia e più di un terzo molto bene, anche se con marcate differenze territoriali. La comunità che si trova meglio è quella dei filippini, in misura lievemente minore quella degli ucraini e dei romeni, mentre sono i cinesi a dichiarare di trovarsi peggio in Italia. Sono oltre il 60% gli stranieri che sostengono di parlare e comprendere l'italiano molto bene, ma ha difficoltà a scrivere e leggere rispettivamente il 58,4 e il 49,8% di essi. Il 60% degli stranieri parla in italiano con gli amici e il 38,5% in famiglia. Più di otto cittadini stranieri su dieci (di 14 anni e più) hanno nella propria rete di relazioni sociali persone cui potersi rivolgere in Italia. Il 61,9% ha una rete di soli connazionali, il 15,5% di soli italiani, il 20% ha una rete mista. Tra i bambini stranieri (6-13 anni), tra i quali è forte la presenza di seconde generazioni, il 69,1% ha il migliore amico di nazionalità italiana.