#SCUPNONSIABBATTE

08/05/2015 di Redazione
 #SCUPNONSIABBATTE

Nella mattinata del 7 maggio le forze dell'ordine si sono presentate a Scup, spazio sociale occupato a Roma, non solo per sgombrarlo. Due ruspe della proprietà hanno cominciato ad abbattere muri e vetri per rendere completamente inagibile lo stabile. Gran parte di Scup, in pochi minuti, è diventato un mucchio di macerie. Scup, che proprio in questi giorni si preparava al suo terzo compleanno, è prima di tutto una nota palestra con corsi per bambini, adulti e anziani, un bar e un'osteria, una ludoteca, una web radio, una biblioteca, un'aula studio, una scuola popolare di musica, uno spazio che ospita un mercato mensile, incontri, seminari e molte iniziative aperte al quartiere e alla città. Lo sgombero era all'ordine del giorno del Comitato per l'ordine e la sicurezza della prefettura di Roma già da tempo. A Roma c'è un'inquietante aria di repressione e di legalità a senso unico già da diversi mesi. Dopo l'assemblea cittadina che si è tenuta nel tardo pomeriggio sempre del 7 maggio, un nutrito gruppo di persone ha dato vita ad un bellissimo corteo spontaneo per le vie di San Giovanni ed è giunto in via della stazione tuscolana dove un nuovo spazio è stato preso. Adesso non rimane che rimboccarsi le maniche per ripulire lo stabile e ricominciare ad accogliere le attività per bambini, la palestra popolare, l'hosteria, i corsi di lingua. Questa sera, 8 maggio,  alle 19.00 assemblea pubblica. In bocca al lupo SCUP!