Richiedenti asilo in Europa, l’Easo: sempre più siriani, afghani e iracheni soprattutto verso Germania, Austria, Ungheria

11/06/2015 di Redazione
Richiedenti asilo in Europa, l’Easo: sempre più siriani, afghani e iracheni soprattutto verso Germania, Austria, Ungheria

Nuovi dati mensili dell' Agency of the European Union relativi ad aprile sul numero di  richiedenti asilo in Europa e sulla loro provenienza. Rispetto a  marzo i nuovi dati dell'Easo registrano un + 12% di richiedenti asilo siriani, un + 17% per quelli iracheni e addirittura un + 23% per quelli afghani.
Richiedenti asilo in diminuzione rispetto a marzo (- 7%), ma oltre il 50% più numerosi rispetto al dato registrato un anno fa: questa la situazione dei richiedenti asilo nell'"UE+" (i 28 Paesi dell'Unione con la Norvegia e la Svizzera) ad aprile. L'Easo, come sempre la fonte di questi dati, rileva che la diminuzione su base mensile è legata al drastico calo di richiedenti dal Kossovo. Ma l'avanzare della primavera non poteva che vedere in crescita, dato l'aggravarsi delle catastrofi umanitarie in Siria e in Iraq, i richiedenti siriani ed iracheni, che rispetto a marzo sono aumentati rispettivamente del 12% e del 17%. Ad aprile i richiedenti siriani sono stati quasi 11.300 (la nazionalità più numerosa in assoluto), mentre quelli iracheni 3.700. In fortissima crescita anche i richiedenti dall'Afghanistan sempre meno "pacificato", che sempre ad aprile sono stati 5.700, il 23% in più rispetto a marzo. I richiedenti asilo fuggiti da questi tre Paesi hanno chiesto protezione soprattutto in Germania, Ungheria e Austria.
Leggi I dati mensili Easo