Roma perde uno dei suoi simboli: Remo Remotti

25/06/2015 di Redazione
Roma perde uno dei suoi simboli: Remo Remotti

E' morto all'età di 90 anni Remo Remotti, poeta e attore italiano, ma anche pittore, scrittore, scultore, cantante e drammaturgo. Cresciuto durante il Fascismo, si laureò in legge, nel 1951 scappò in Sudamerica dove aveva vissuto per sette anni. Remotti aveva lavorato nei cimiteri americani di guerra nel 1948, per fare poi il tassista in Peru', l'operaio in Germania, il funzionario di una ditta farmaceutica a Milano. Roma ha perso uno dei suoi grandi simboli:
"Io sono nato a Roma nel 1924.
Sono nato nel fascismo, nella chiesa cattolica e nel cuore della borghesia romana.
Praticamente sono nato nella merda".